Studenti maschi in gonna: il peccato originale spiegato semplice semplice

La differenza tra Verità e menzogna, e quindi tra felicità e infelicità, realizzazione e frustrazione è tutta qui: libertà è essere quello che si è, mentre la schiavitù è essere quello che si vuole essere. Libertà è obbedire alla Parola che ci ha creati, schiavitù è obbedire alla menzogna del demonio, che ci illude di diventare come Dio – il peccato originale – decidendo cosa sia bene e cosa sia male, cosa sia vero e cosa sia falso, cosa vogliamo o non vogliano essere. Invece siamo nati per essere in pienezza ciò che ci è dato gratuitamente, cioè amare perdendo se stessi.

Il demonio invece ci spinge a cercare inutilmente di essere quello che la sua menzogna ci seduce e poi obbliga a dover diventare, in un egoismo che termina sempre nella delusione e nella frustrazione. Per questo, solo in Cristo è possibile essere sino in fondo il figlio di Dio che siamo stati creati. Ed è da qui che la Chiesa deve di nuovo incominciare, annunciando a tutti l’unica e autentica libertà, quella di essere amati da Dio e in Lui amare chi ci è accanto.

Don Antonello Iapicca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.