Considerazioni da CoroRia 20.2: 10ªsettimana Last of the year edition

Il 2020 è stato definito l’anno più difficile degli ultimi 30 anni: abbiamo sfiorato una terza guerra mondiale, abbiamo perso Bugo, abbiamo conosciuto il movimento Black Lives Matter e abbiamo avuto una pandemia globale. Sì ok è stato una anno universalmente de merda!!
Eppure io credo che qualcosa di buono sia successo:

  • la pandemia ci ha resi tutti più trasparenti: così mentre da una parte abbiamo scoperto l’ignoranza mal celata di molti capi di stato di potenze mondiali, dall’altra abbiamo ritrovato la bontà d’animo dei singoli che ha fatto la differenza. #personesemplicidibuoncuore
  • La mia professione finalmente ha avuto il riconoscimento sociale che le spetta…non so quanto durerà ma per ora va bene così!! #infermierisinasce
  • Il Lockdown per quanto odiato ci ha regalato del tempo per noi, per le nostre famiglie, per le nostre case, per i nostri pensieri…ci siamo scoperti capaci di cose che non ricordavamo più di saper fare, ci siamo trovati uniti nella difficoltà come non succedeva da tempo…e abbiamo scoperto di saper cantare dai balconi!! #celafaremo #andratuttobene
  • Abbiamo toccato con mano la fragilità di questa vita e abbiamo capito l’importanza di viverla a pieno, affrontando i nostri sentimenti e cambiando le situazioni insopportabili. #cazzutisempre
  • A me questo 2020 ha regalato: una maggior consapevolezza di me stessa di cosa voglio e di cosa non voglio; la forza per affrontare le mie scelte; un immenso riconoscimento lavorativo; un sogno realizzato; tanti nuovi amici e la certezza che le vere amicizie restano sempre. #nonèandatapoicosimale

Questo anno maledetto ci ha portato via tante persone care, amici, parenti e pazienti…quindi alziamo i calici e brindiamo a tutti loro e con gli occhi umidi di lacrime aspettiamo questo 2021 con la consapevolezza che del domani non v’è certezza. #capodannocolcovid #covidria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *