Vieni Santo Spirito a confortare e proteggere le nostre famiglie oggi e sempre!!!

La celebrazione della Sacra Famiglia fu istituita per essere esempio e riferimento per la famiglia nel vivere sociale e cristiano, con le sue caratteristiche umane e i suoi problemi quotidiani. Infatti, oggi, la contempliamo nella casa di Nazareth, dove Maria e Giuseppe crescevano, giorno dopo giorno, il fanciullo Gesù.

Maria sposò Giuseppe, uomo giusto, secondo i disegni di Dio; conservando la sua verginità, divenne con la maternità, la madre del Figlio di Dio e madre di tutti gli uomini.

Allevò il Divino Bambino con tutte le premure di una madre normale, ma nel cuore portava la grande responsabilità per il compito affidatole da Dio. Di Giuseppe non si conosce molto, nemmeno della sua morte. I Vangeli raccontano del suo fidanzamento con Maria, dell’angelo che gli parlò della maternità voluta da Dio, pregandolo di non ripudiare la fidanzata; del viaggio con Maria a Betlemme per il censimento; dei vari episodi circa la nascita e la vita di Gesù, in cui egli fu sempre presente.

La terza persona della famiglia è Gesù. Della sua infanzia non si sa quasi nulla: Egli, il Figlio di Dio, visse nel nascondimento della sua famiglia terrena, ubbidiente a sua madre e a suo padre, collaborando nella bottega di Giuseppe, meraviglioso esempio di umiltà. Fu ubbidiente alla madre, ormai vedova, tanto da operare il suo primo miracolo pubblico alle nozze di Cana, dietro sua richiesta. Possiamo facilmente immaginare le tante situazioni e i gesti quotidiani di Giuseppe e Maria con questo figlio da accudire, da istruire. Ma l’evento immenso che si compiva nella casa di Nazareth era che, per Maria e Giuseppe, quel Bambino era contemporaneamente il loro Dio e il loro affetto più caro. Fu in quella casa che gli atti più sacri (pregare, dialogare con Dio, ascoltare la sua Parola, entrare in comunione con Lui) coincisero con le normali espressioni colloquiali che ogni mamma e ogni papà rivolgono al loro bambino. Fu così che cominciò la storia di tutte le famiglie cristiane, per le quali ogni aspetto della vita familiare (gli affetti, gli avvenimenti, la materia del vivere) può essere vissuto come sacramento: preludio di un amore infinito

  La festa della santa famiglia è inserita nel contesto celebrativo natalizio. Il gruppo familiare composto da Giuseppe, Maria e Gesù vi appare come modello di ben assortita e rispettabile convivenza, concordia, donazione generosa e amore reciproco. La famiglia di Nazaret, “un vero modello di vita” con le sue virtù, percorse nella fede, nella gioia, nella sofferenza e nella prova un itinerario tutto suo, certo irrepetibile, ma anche con tanti aspetti in comunione con le famiglie di tutti i tempi.

Già all’origine, prima che questa famiglia si costituisse, c’è il dubbio legittimo di Giuseppe di fronte a Maria che risulta in attesa di un figlio non previsto. E dopo, questa nascita è tribolata: manca una casa di accoglienza e Gesù nasce in una grotta su una mangiatoia. Segue la persecuzione del sanguinario Erode che fa fuggire i genitori con il bambino in Egitto. Poi, tornati, quando portano Gesù dodicenne al Tempio, egli si eclissa per tre giorni. I momenti ancora più difficili sono quando Gesù lascia la casa familiare per la sua missione che lo condurrà al tragico epilogo del Calvario, in presenza della madre, presso la croce, impietrita dal dolore. Con la celebrazione della Santa famiglia di Giuseppe, Maria e Gesù, la Chiesa vuole ricordarci tutta l’importanza che Cristo attribuisce alla famiglia in generale.

Sul piano naturale, è la cellula del tessuto sociale. Sul piano spirituale, è la cellula della Chiesa, questa grande famiglia di Dio, che ha Dio come Padre, e noi siamo tutti fratelli di (e in) Cristo. La costruzione del Regno di Dio passa attraverso la famiglia cristiana solida e preoccupata dai valori umani e spirituali. La famiglia è la grande scuola fondata da Dio per l’educazione degli esseri umani. E’ una struttura da conservare e da preservare con grande cura, soprattutto in questi tempi postmoderni di agonia della famiglia. L’agonia della famiglia è anche l’agonia della Chiesa.

In questo triste contesto, la chiesa incoraggia oggi che i cristiani fanno delle loro famiglie rispettive “piccole Chiese domestiche”, dove si teme e onora il Signore, si pensa a santificarsi e ad offrire alla società delle persone sante. Purtroppo, questo sembra un po’ arduo e utopistico in questi tempi odierni (post-cristiani?) di permissività, di abbandono delle virtù e di adozione elevata di una società “laica”, senza morale. Pensiamo ai divorzi, agli aborti, alle unioni libere, ai “matrimoni” tra omosessuali, alle coppie provvisorie e a tante altre scelte di oggi. II cristiani veri non devono lasciarsi ingannare da queste mode ispirate dall’egoismo e dal progetto nascosto di “paganizzazione della società”. L’antica sapienza esalta l’onore che i figli devono ai genitori. E’ un atteggiamento di pietà e di riconoscenza. Li devono aiutare quando sono vecchi e fuori di testa. Oltre al principio di solidarietà tra generazioni che devono ispirare questo giusto rapporto tra genitori e figli, la compassione o la pietas verso i genitori ha anche una dimensione religiosa perché apre al rapporto con il Signore della vita.:

“Chi onora il padre espia i peccati…la pietà verso il padre non sarà dimenticata, ti sarà computata a sconto dei peccati”.

Queste parole valgono anche per la madre. La famiglia deve esprimere la carità che distingue il discepolo del Signore, la mansuetudine, la bontà, l’umiltà e la pazienza che sa sopportare e perdonare. Il perdono sincero ha come modello e fonte il perdono ricevuto dal Signore. Il cristiano non è uno che perdona e non dimentica l’offesa, ma è uno che perdona e non dimentica mai di aver già perdonato. Non ritorna più sulle cose perdonate.

Don Joseph Ndoum

Un pensiero riguardo “Vieni Santo Spirito a confortare e proteggere le nostre famiglie oggi e sempre!!!

  • 27 Dicembre 2020 in 16:45
    Permalink

    Senza alcun dubbio questo nichilismo abietto imperante desidera distruggere la famiglia, la nostra umanità trasformandoci e lobotizzandoci… Tutto è mercificato… E distruggere lav nostra meravigliosa Chiesa messianica cristiana.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *