In ricordo di Luigi Lovati

Amici lettori, oggi siamo in lutto perchè Luigi Lovati, papà del mio caro amico Carlo che avete qualche volta apprezzato pure qui su ilCentuplo.it, è morto e ha raggiunto sua moglie in Paradiso.

I ricordi sono tantissimi perché da piccolo ho frequentato tantissimo casa Lovati e apprezzato il rigore morale e la costante discreta presenza ironica di papà Gigi.

Grazie Carlo che poi quel giorno di qualche anno fa siete passati da Roma, tutti assieme, con tuo padre presente (che onore fu la sua visita a casa nostra) per prendere i gattini che ancora avete e…che bello vedere la foto ricordo di tuo padre con in braccio un gattino.

Meglio delle mie, quindi, riporto qui, col suo permesso, le parole di saluto che suo figlio Carlo, noto medico milanese, ha voluto scrivere sul suo profilo facebook per salutare papà e accompagnarlo dalla mamy.

Carlo, ti siamo vicini e sai quanto, con i nostri figli abbiamo pregato lo Spirito Santo consolatore per te, Laura, Maria Antonietta e i vostri cari e preghiamo anche per accompagnare papà Luigi da mamma Sandra.

—————————————————-

Ammetto, la telefonata di stamattina mi ha gelato. Abituato a vederti così, sempre disponibile, mai una lamentela, dolcemente serio, pacatamente logico, senza mai la necessità di alzare il tono per dover sostenere un’idea…. lucido e brillante fino all’ultimo, con la sagacia delle tue battute, l’amore dei tuoi libri e dei tuoi conti, autonomo, discreto ma mai timido, ligio ma con saggezza… dopo due giorni dalla triste scoperta della malattia che mi spiegava perché, in poche settimane, stavi perdendo il cammino, hai deciso di mantenere il tuo stile silenzioso, che non avrebbe mai voluto pesare o dare fastidio, e così sei partito per il Lungo Viaggio! L’ultima colazione, l’ultima battuta all’infermiera, hai detto che eri stanco e che volevi dormire e non ti sei più svegliato.
Solo un appunto Gigi (ti chiamavo a volte così, ma per ridere): hai detto ieri a cena “ci si vede alle 9-9.30!” e sei partito alle 8.40! Non si fa! 😊.
Ti abbraccio forte, come facevamo solo a volte ma che ricordo bene!
Buon viaggio e saluta la mamy!
Sei un mito!

Carlo Lovati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.