Riconoscere il dolore per raggiungere il cambiamento

Dopo un evento doloroso, abbiamo due strade davanti a noi: accettare ciò che non possiamo cambiare o combattere per trasformare ciò che invece possiamo cambiare.

Siamo tutti dotati di quella intelligenza, definita “emotiva”, per decidere quale di queste due strategie utilizzare per affrontare i problemi.

Se accettare vuol dire comprendere (non solo da un punto di vista cognitivo ma anche emotivo), combattere comporta lottare, pianificare una battaglia, investire risorse e accettare di rischiare di dare fondo alle nostre energie.

Tra il combattere e il comprendere, non è possibile stabilire strategia di fronteggiamento sia migliore: sono le situazioni, i momenti, i vissuti, gli intenti a farci capire quale delle due convenga intraprendere.

Il punto di partenza, però, è comune: comprendere che il dolore ha un senso e va riconosciuto; è successo qualche cosa di molto brutto e solo con una buona dose di autoanalisi e introspezione posso rendermene conto. 

Tra le risorse che abbiamo a disposizione possiamo annoverare le relazioni interpersonali e la rete di amicizie e di affetti che abbiamo costruito durante l’arco della vita, che possono aiutarci in questo percorso di scelta e di crescita.  Un dolore condiviso con gli altri non diventa minore, ma più tollerabile ed affrontarlo, sapendo di non essere soli, ci rende più sicuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.