Il “distanziamento sociale” ci sta allontanando veramente: torniamo ad essere “Animali Sociali”

C’è una formula che, nelle ultime settimane, si sta imponendo d’autorità nel nostro modo di esprimerci: “distanziamento sociale” (e derivati). Io la trovo terribile. Disumana. Aristotele scrisse che “l’uomo è un animale sociale” (“Politica”) e oggi, in quella che riteniamo essere una democrazia, questa definizione viene calpestata, annullata da due parole: “distanziamento sociale”.

Sarà che da insegnante io mi nutro di vicinanza sociale e, quindi, patisco di più la distanza, ma trovo terribili queste due parole in qualunque contesto.

“Distanziamento sociale” non significa (a ben guardare l’italiano) “stare fisicamente lontani”, bensì “tenere lontani gli altri da sé”, ma non fisicamente, anche – forse soprattutto – emotivamente. Senza che ce ne rendiamo conto, queste due semplici parole ci stanno insegnando a guardare all’altro come ad un potenziale pericolo.

Vi siete accorti che, per la strada, da sopra le mascherine emergono più occhi sospettosi che occhi sorridenti? Vi siete accorti che sui social imperversano delatori pronti a bruciare sul rogo chi corre in aperta campagna senza guanti?

Ecco. Questo è il “distanziamento sociale”: stiamo imparando a considerarci delle monadi (giuro che non è una parolaccia veneta) che non hanno bisogno di avvicinarsi agli altri, che vivono in perfetta autonomia e in perfetto isolamento, che considerano il prossimo come un nemico.

Io, se permettete, non ci sto (cit.).

Mi rifiuto di guardare agli altri con sospetto e mi rifiuto di utilizzare una formula che sottintende pacificamente un concetto così tremendo come se fosse la cosa più normale del mondo.

L’uomo ha BISOGNO di interagire. Per imparare. Per condividere. Per crescere.Per vivere. Tutti noi abbiamo BISOGNO degli altri. Dei sorrisi. Degli sguardi. Delle strette di mano. Ora non si può o, meglio, bisogna starci più attenti. Va bene. Prendiamone atto e adeguiamoci. Usiamo le dovute precauzioni nell’incontrare gli altri, ma, per favore, parliamo di “distanza di sicurezza” e rifiutiamo la formula “distanziamento sociale”, con tutto il desolante seguito di solitudine che essa comporta.

2 pensieri riguardo “Il “distanziamento sociale” ci sta allontanando veramente: torniamo ad essere “Animali Sociali”

  • Pingback: La morte si sconfigge con la gioia, la comunione e la condivisione (del plasma per esempio) - Il Centuplo

  • 2 Giugno 2021 in 07:39
    Permalink

    OCCORRE PRENDERE ATTO DI UN MOVIMENTO BEN PIÙ AMPIO CHE GLOBALMENTE STA COINVOLGENDO OGNI ASPETTO DEL NOSTRO “NORMALE” VIVERE… DI CHE SI TRATTA? É UN TENTATIVO DI UNA EKIRE MOLTO RICCA E POTENTE DI PRENDERE IL CONTROLLO SU OGNI ASPETTO DEL NOSTRO MONDO, DELLE NOSTRE VITE (e dei nostri corpi.. sapete bene del potenziamento di magnetoferasi tramite i “vaccini” che vaccini non sono…) ED AGISCONO ALLA LUCE DEL SOLE E CON LA PIENA COLLABORAZIONE E CONNIVENZA DI STATI E GOVERNI. (che regalano pure copia della costituzione, in Lazio, agli inconsapevoli ragazzi… resi ottusi ed ingannati dal sistema stesso.. Questo è l’apoteosi della loro perfidia) IL FUTURO PROPOSTO ED INGANNEVOLMENTE PROPOSTO DA COSTORO VA PROPRIO NELLA DIREZIONE OPPOSTA DA QUELLA PROPOSTA DALLA BRAVA MARIA SOLE. UN INFERNO TRANSUMANISTA IN CUI LA LIBERTÀ… LA VICINANZA… SARÀ ABOLITA. INOLTRE C’È UNA SOVRAPPOSIZIONE MASSICCIA TRA COLORO CHE STANNO DIETRO A QUESTO PIANO INSIDIOSO E I “CAPITALISTI” DEL CLIMA… QUESTO “MOVIMENTO GLOBALE” NON FARS PROPRIO NULLA PER AIUTARE MADRE NATURA, MA SOSTERRÀ ED ESOANDETS INVECE IL SISTEMA CAPITALISTICO INDUSTRIALE CHE LA STA UCCIDENDO. LA TECNICRAZIS GLOBALISTA STA USANDO LA PANDEMIA STRATEGICA (che per occultata loro stessa dichiarazione si può curare benissimo… Ed in Cina lo stanno facendo da tempo ed in Russia, che si oppone apertamente a questa aberrazione, non esiste alcuna imposizione a vaccinazioni oscene ai ragazzi… Molti vengono sterilizzati) PER SPAZZARE VIA SIA LA RESPONSABILITÀ DEMOCRATICA, CHE L’OPPOSIZIONE. NON UN SOLO SETTORE DELLA VITA NON SARÀ TOCCATO DA UN GRANDE PIANO DI RICOSTRUZIONE CHE MIRA A RIMODELLARE TUTTO, DAL GOVERNO ALL’ENERGIA, ALLA FINANZA, AL CIBO, ALL’ISTRUZIONE, ALLA SALUTE, ALLA PROPRIETÀ, ALLA POLIZIA E ALL’ESERCITO… COMPRESO IL MODO IN CUI TRATTIAMO I NOSTRI SIMILI.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.