Si ama con la pancia o con il cuore? Auguri alle mamme affidatarie

Mi è stato chiesto di parlare del mio essere mamma, allora ho pensato che vi parlerò di quando li ho visti per la prima volta ed ho pensato, come tutti i genitori, che erano i figli più belli che c’erano; di quando li ho portati a casa ed ho sentito che la casa si riempiva, che erano proprio ciò che mancava; di tutte le volte che mi do da fare per loro, per dargli ciò di cui hanno bisogno; delle volte che mi preoccupo per loro, per come si sentono, per come crescono e del loro futuro e come tutti i genitori penso che sto sbagliando qualche cosa, e sarà sicuramente così ma anche questo fa parte del ruolo.

Poi li guardo bene e vedo due “quasi uomini” forti, decisi, educati, che sanno il fatto loro e allora penso che in fondo tanti tanti errori non dovrei averli fatti.

Insomma io non li ho portati nel grembo, non li ho partoriti ma in fondo si ama con la pancia o con il cuore?

Io so solo che li amo come più di cosi non potrei anche se sono una mamma affidataria!

Manuela mamma affidataria

Vuoi avvicinarti al mondo dell’affido famigliare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.