Convertirsi è lasciarsi afferrare da Cristo

Appello alla Conversione. Introduzione al Vangelo della Domenica III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Appello alla conversione.

Il cuore dell’icona evangelica di questa Domenica. Via dalla mente la lettura etica, perché saremmo proprio fuori strada. Altra pista che ci farebbe deviare è la lettura legalistica. In altri termini ‘convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino’ non è né un appello a diventare uomini e donne perfetti nelle virtù (un rigorismo morale da puritani impeccabili, cosa che disumanizza in un perfezionismo sterile) nè tanto meno un rimprovero a non ricadere nella minima trasgressione di norme. Attenzione! Non che sia cattivo desiderare essere virtuosi e corretti nella vita ma il messaggio del Vangelo è molto di più.

La predicazione di Gesù è comprensibile solo nella lettura della novità del regno. Nel dono di Grazia. Allora conversione è …

… accogliere un dono nuovo.
Lasciarsi stupire dalle sorprese di Dio.
Lasciarsi toccare dalla luce che sorge nelle nostre ombre mortifere.
Lasciarsi liberare.
Lasciarsi guarire.
Lasciarsi afferrare da Gesù Cristo.
Andare dietro a Cristo.
Seguire le sue orme.
Farsi guidare da Lui.
Essere disponibili al cambiamento.
Essere aperti alla novità dello Spirito Santo.
Lasciare le cose passate.
Dimenticare l’uomo vecchio e camminare in una vita nuova.

Con le parole di don Tonino Bello, convertirsi è: assaporare l’avventura della libertà. Vivere abbandonandosi come un gabbiano si abbandona all’ebbrezza del vento. Vivere è stendere l’ala. L’unica ala. Con la fiducia di chi sa di avere, nel volo, un Partner grande come Te

Buona Domenica
Don Domenico Savio ?❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.