La raccolta e la trasformazione del latte come motore di sviluppo dell’impresa rurale in un Villaggio in Senegal

Il progetto si propone di favorire lo sviluppo socio-economico nel villaggio rurale di Ndiao Bambaly e nei piccoli centri abitati circostanti, attraverso la creazione di una filiera-agropastorale corta con l’avvio di una mini latteria per la raccolta del latte direttamente dagli allevatori e trasformazione in loco. La filiera del latte è stata scelta per il suo alto potenziale di sviluppo per l’economia del paese. Il progetto interviene colmando le debolezze del settore su tre assi principali: i) la messa in rete degli allevatori e l’organizzazione di un punto di raccolta e trasformazione del latte (mini latteria);

ii) la creazione di un G.I.E (gruppo di interesse economico) per la trasformazione e commercializzazione del latte e dei suoi derivati; iii) il controllo e monitoraggio della salute degli animali. Il coinvolgimento del Servizio Regionale dell’Allevamento e dell’Agenzia Nazionale per la Promozione dell’impiego dei giovani garantisce la sostenibilità istituzionale ed un concreto supporto alle attività. La sostenibilità economica è data dal miglioramento qualitativo e quantitativo dei prodotti che renderà possibile l’avvio del commercio dei prodotti caseari sul territorio, dei quali c’è forte domanda.

Donne del villaggio Ndiao Bambaly durante un passato corso di formazione

Maggiori informazioni sul sito del COMI http://www.comiong.it/

di Giovanni Baglivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.