Quell’11 Settembre…è stato un giorno che ha cambiato tutti noi

people_01_997-710_resize-k6xf-u3020100019298109d-1224x916corriere-web-sezioni-593x443

L’11 settembre 2001 è una data che ha segnato la vita di molte persone. Anzi, oserei dire che ha segnato la vita di una generazione, probabilmente la mia, che appartengo a quella di coloro che sono nati negli anni ’80. E’ la generazione che è nata in un’Europa ancora divisa, che ricorda ancora le cartine geografiche a scuola con le due Germanie, con la Jugoslavia ancora unita, con la Cecoslovacchia… E’ la generazione che ha avuto ancora la paghetta settimanale

Al Chelsea Sarri obbliga i giocatori a stare la mattina coi figli e per ora la mossa è vincente

sarri-chelsea

Maurizio Sarri è diventato da pochi mesi allenatore del Chelsea e ha vinto le prime due partite di campionato. Alcuni dicono che parte del segreto di questo primo successo (che ovviamente sarà criticato alla prima sconfitta) è dovuto al fatto che l’allenatore italiano ha lasciato la mattinata libera ai propri giocatori, invitandoli a stare con la famiglia, a giocare coi figli, per fare gli allenamenti prevalentemente nel pomeriggio. Clima più disteso, più rilassato e pare quindi proprio che a giovarne, per

Due anni dopo il terremoto, il bar Sibilla di Pretare è ripartito… altrove

Polisia e Federica del Bar Regno della Sibilla

Per salire al Monte Vettore bisogna passare per Pretare (frazione di Arquata del Tronto) che è (ops, era) un delizioso paesino (conosciuto anche come il paese della Fate) che si snodava in mezzo a molte case vista montagna e, proprio all’altezza del bar Sibilla, vi era una curva così stretta d’aver paura a farla con la sola vettura, una alla volta, a senso alternato. Oggi Pretare sembra un muto quanto immutabile agglomerato di macerie urbane e la strada si snoda

Paolo VI, il papa “dimenticato”

papa-paolo-vi-fiaccola-sacconago-105617-610x431

Alle ore 21.40 del 6 agosto di quarant’anni fa, a Castel Gandolfo, ci lasciava Papa Paolo VI. Ho sempre pensato che le date di nascita e morte di una persona, in un certo senso, rappresentano la sua vita. Paolo VI ci lasciò il giorno della Trasfigurazione del Signore, lontano da Roma, lontano da tutti, condividendo lo stesso destino di un altro grande pontefice riformatore, a lui molto legato: Pio XII. Pochi forse oggi ricordano il grande Papa Montini, forse per

Il bianco e il nero (negro)

bianco-e-nero

La mia prima volta con una negra è’ stata poco meno di 40 anni fa. A casa nostra nessuno ha mai pronunciato la parola “negro”. E nessuno ha mai raccontato barzellette sui negri, sui froci e sugli ebrei. E non perché fossimo politically correct, ma perché eravamo e siamo così. A me e a mia sorella è stato insegnato, da un padre di destra e da una madre che votava DC, che le persone si distinguono per bontà o cattiveria,

Quando i sentieri non bastano e vai alla ricerca del verticale

img-20180727-wa0030

Negli ultimi anni per me “fuggire in montagna”è diventato un bisogno fisiologico ma anche terapeutico. Proprio perché é una mia necessità mi sono formato per andarci con un corso di alpinismo, visto che mi accorgevo che mi affascinava ma rischiavo. I sentieri non mi bastavano e cercavo il verticale. Preparavo la mia escursione di ieri da giorni valutando anche cambi di programma per qualsiasi motivo (venti, nuvole stazionarie o pioggia). Sempre avere un piano B! Anche il C! In più

“Il mio indirizzo mail è: cielosplendente@gmail.com”. Addio Suor Chiara

suor-chiara

“Allora mi mandi pure il progetto al mio indirizzo email: cielosplendente@libero.it” e mi fece il primo sorriso della giornata, un sorriso dolce che aveva colto nel pieno la ricchezza del nostro intento. Nell’ottobre del 2013 mi avvicinai alla “austera” Suor Chiara Rusteghini, economa della Congregazione delle Suore della Provvidenza Rosminiana, per presentarle un “progetto” per la gestione di una struttura alberghiera di loro proprietà. Mi presentai all’incontro, ottenuto con fatica, con un mio amico commercialista e lei ci accolse alla scuola

“Mi spiace per i tuoi amici della Croazia”, mi ha detto mio figlio Matteo

sretan-put

Ho provato a spiegare ai miei figli perchè, per tutti i Mondiali di Russia, ho tifato Croazia rivedendo nel volto di Rakitic, Modric, Subasic e via dicendo, tanti anni della mia vita. Ho provato a spiegare loro del mio “volontariato” nella ex Jugoslavia che ha avuto “sfogo” nel libro “Sretan Put – Buon Viaggio“. Ho provato a far vedere loro qualche foto e in ognuna il ritorno di quegli occhi tristi, dolci, orgogliosi che ho ritrovato in Mandzukic, Perisic, Brozovic….

Che cosa sono le Serate di Nomadelfia? Due salti in famiglia!

serate-nomadelfia-2018b

Dal 1965 Nomadelfia vive il periodo estivo in un modo singolare, nel quale la ricreazione e l’incontro con le popolazioni si intrecciano. Don Zeno ebbe l’intuizione di far vivere ai giovani e agli adulti di Nomadelfia un intenso periodo di  incontri e testimonianze con il popolo. Con le “Serate”, giriamo nelle regioni italiane a portare nelle piazze uno spettacolo che raduna persone di diverse estrazioni sociali, religioni e aspirazioni. A tutti proponiamo, attraverso l’esempio della  nostra vita, un messaggio di speranza: si può

Immersione Isola di Giannutri: quando si salta dalla barca… non ci si può più tirare indietro!

giannutri1

L’esperienza fatta venerdì scorso ancora mi elettrizza…per farvela comprendere devo rapidamente dirvi come è cominciato tutto. Tempo fa un mio collega, Gianluca, mi dice che vuole cimentarsi nelle mie attività ricreative anche lui e quindi lo introduco al corso di speleologia che supera alla grande… Poi mi chiede insistentemente di fare subacquea insieme ad un altro collega, Christian, che ha però molte paure… Dopo averli coccolati accompagnandoli alle lezioni in piscina e aver risposte a mille loro dubbi siamo giunti