Educare i figli consapevoli che poi faranno anche altre scelte di vita

Sto pensando alle due sorelle morte investite dal treno. Sto pensando che erano minorenni, in una stazione lontano da casa loro, mezze ubriache la mattina presto dopo una notte in discoteca.

Mi chiedo che tipo di educazione abbiano ricevuto dai loro genitori se siano state seguite, amate, sgridate, punite, oppure trascurate, o viziate. Questo noi non possiamo saperlo. La tentazione è quella di dire che non si può permettere a due ragazzine minorenni di andare a fare nottata fuori città ma non sappiamo se avessero veramente il permesso e non sappiamo come siano andate le cose. La tentazione è quella di
pensare che se seguiamo bene i nostri figli a noi non succederà mai.

La mia mamma però mi dice sempre una cosa. Noi possiamo seguire, amare, educare i nostri figli nel miglior modo ci riesca, ma alla fine sono loro a decidere come e cosa fare della vita. Penso sempre però che crescere in un ambiente sano se non altro dia qualche vantaggio rispetto al trovarsi in una famiglia disfunzionale.

In fondo lo dice anche il Vangelo che un albero buono dà buoni frutti. Però in ogni albero può capitare una mela bacata. Insomma vorrei davvero capire quanto influisca l’educazione e quanto l’indole del ragazzo perché la sua vita riesca. Alla fine di tutti questi pensieri forse un po’ sconclusionati penso a mia figlia dodicenne, e mi trema il cuore e spero e prego Dio perché illumini sempre i suoi passi e perché lei crescendo continui a fidarsi di noi genitori e soprattutto ad avere il Signore come faro sicuro nella vita. Solo così potrà evitare che gli sbagli e i guai che inevitabilmente le accadranno possano rivelarsi fatali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.