Fra Romualdo da Konotop (Ucraina): Lettera 1 dalla guerra

Noi fratelli francescani serviamo nella città di Konotop, nell’Ucraina nord-orientale, a 90 km dal confine con la Federazione Russa. Il 24 febbraio 2022, senza una dichiarazione di guerra, alle 5:20 del mattino, sono iniziati i bombardamenti nel territorio della nostra regione, i cui echi sono stati uditi anche dai residenti di Konotop.

In quel momento, ero in ritiro con i miei fratelli alla Curia Provinciale di Zhytomyr, dove al mattino anche l’aeroporto è stato bombardato. Su richiesta dei parrocchiani, io, Padre Romualdo, come Parroco della parrocchia di Nostra Signora di Fatima, sono partito d’urgenza per Konotop. Ho detto tramite Internet che il nostro Convento è aperto a chiunque abbia bisogno di protezione, riparo o cibo e già dal  primo giorno abbiamo ospitato 23 persone rimaste per la notte, per lo più donne e bambini.

La sera dello stesso giorno si è svolta una battaglia su larga scala  nella nostra città e diversi mezzi corazzati per il trasporto di personale sono stati abbattuti nel centro della città, edifici sono stati dati alle fiamme e le informazioni sui bombardamenti e sulla distruzione delle istituzioni educative, hanno attivato immediatamente i vigili del fuoco. Abbiamo visto che ardeva il centro della città, anche durante la Divina Liturgia, che veniva servita nel nostro Convento, nella classe di catechismo, che ora funge da luogo di pernottamento per le persone e stanza di rifugio per i bambini durante il giorno. Dopo la battaglia per Konotop, le nostre unità militari sono andate a difendere la regione di Kiev. Secondo lo Stato Maggiore delle forze armate dell’Ucraina, la città di Konotop è stata persa dall’esercito ucraino la mattina del 25 febbraio 2022.

Questa informazione ha causato disperazione in molti residenti, i nostri parrocchiani hanno incontrato persone in preda al panico in mezzo alla strada, la gente continuava ad arrivare e dopo la mattina del primo giorno abbiamo avuto un grande bisogno di comperare cibo. Oltre questo, tramite Internet ci scrivono persone che non possono entrare in città, perché è sotto assedio da tutte le parti, e i posti di blocco nemici non consentono l’ingresso/uscita. Infatti, gli anziani soli e spaventati sono rimasti in cattività nelle proprie case.

Dopo aver lasciato la città per più di un’ora, non siamo riusciti a trovare nessun negozio di alimentari funzionante, perché tutte le nostre azioni si sono svolte attraverso una trasmissione online per registrare contemporaneamente la situazione nella città occupata e siamo riusciti ad acquistare parzialmente i prodotti necessari.

Abbiamo dovuto vedere con i nostri occhi non solo l’equipaggiamento militare distrutto, ma anche i civili fucilati, così come un’auto con una coppia di anziani è stata incendiata e per quasi mezza giornata l’auto è rimasta in mezzo alla strada, bloccando parzialmente il traffico.

A causa del gran numero di vittime, i servizi speciali non hanno potuto, per molto tempo, prendersi cura dei corpi dei morti  e gli stessi cittadini hanno coperto i loro corpi e trascinato i veicoli sul ciglio della strada,  (auto, equipaggiamento militare rotto sono sul campo di battaglia da tre giorni, i servizi pubblici non riescono ad affrontare la quantità di lavoro). Siamo andati in centro città per cercare di vedere la situazione reale, quindi abbiamo scoperto che sebbene le truppe ucraine si fossero ritirate (crediamo temporaneamente) la bandiera ucraina sventola ancora sopra gli edifici amministrativi e gli invasori non hanno preso il controllo della città.

Molte delle informazioni che sono state diffuse il primo giorno di guerra non sono state confermate e siamo stati in grado di rassicurare un gran numero di persone tramite Internet mostrando loro video della reale situazione in città.

26.02.22:  Ci siamo svegliati nel Convento a causa del rumore dell’aviazione vicino alla nostra città. Per molto tempo non ci sono state notizie di questo evento, in seguito è diventato chiaro che fu allora che una colonna di equipaggiamento russo vicino alla città fu distrutta da aerei ucraini andati poi a difendere Kiev.

Allo stesso tempo, abbiamo ricevuto un messaggio di assistenza urgente alla difesa del territorio (volontari) che sono stati costretti a ritirarsi da Konotop per mancanza di provviste, equipaggiamento, armi, carburante. Ora si trovano nascosti nelle foreste e noi, insieme ai residenti della città, organizziamo raccolte fondi per i loro bisogni e acquistiamo prodotti in giro per la città per consegnarli a chi non può raggiungere il negozio o per chi andare in negozio può essere un pericolo di vita (ragazzi, uomini in età di leva). Nel momento in cui scrivo, secondo il Capo dell’amministrazione militare-civile della regione, tutte le principali città della regione di Sumy sono assediate dalle truppe nemiche e nella sola città di Sumy  continuano aspri combattimenti.

Nonostante la grande tensione nella società, l’ansia e il panico, dalla base del nostro Convento, insieme a Padre Florian OFM e ai parrocchiani, serviamo le persone con la preghiera, il sostegno, il pranzo, il tè caldo e le parole di incoraggiamento.

Ora più che mai, il nostro carisma francescano di portare pace e bontà si rivela là dove c’è inquietudine, oscurità, guerra.

I bambini che vengono nei nostri centri di accoglienza giocano, guardano cartoni animati e dimenticano persino che c’è una guerra intorno, e alcune persone adulte magari per la prima volta nella loro vita prendono il rosario, pregano in ginocchio, imparano a cantare canti religiosi e sperimentano la vera pace che non può essere raggiunta attraverso carri armati o altre armi, perché noi abbiamo e crediamo esattamente nella pace che Gesù Cristo ha lasciato, Atti 21:27 “Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.”

Con gli auguri francescani della pace e del bene,

Padre Romualdo OFM

Convento di Konotop, 100% Ucraina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.