A Parigi la Fiera dei bebè su misura: un abominio da fermare

La prepotenza del forte sul debole, del maschio sulla donna, dell’adulto sul bambino può diventare mafia, guerra, terrorismo. Il principio resta sempre quello di calpestare i più piccoli, i più poveri, i più indifesi. L’utero in affitto è un abominio. Con i loro soldi, i ricchi, pensano di poter comprare tutto, anche i figli degli altri e illudersi di farli diventare figli loro. Giocare con la vita altrui è vietato. Prenotare, programmare, vendere e comprare un figlio deve essere vietato ad ogni latitudine. Se vogliamo ancora conservare un pizzico di umanità.

Padre Maurizio Patriciello.

leggi anche su Avvenire

«Chiediamo un immediato intervento del Ministero dell’Interno affinché la Fiera dell’utero in affitto prevista a Milano per il 14 e 15 maggio sia fermata!». Così Jacopo Coghe, Portavoce di Pro Vita & Famiglia, sulla notizia dell’evento riguardante l’utero in affitto che, tenutosi a Parigi qualche giorno fa, sarebbe pronto a sbarcare in Italia, per la precisione a Milano, nel maggio 2022.

«Questa abominevole pratica è illegale in Italia. Ricordiamo – prosegue Coghe – che la legge 40 proibisce la pratica e la pubblicità dell’utero in affitto con sanzioni che arrivano fino al milione di euro».

«Non vogliamo – aggiunge – un mondo in cui è possibile comprare figli su ordinazione, in cui schiere di donne vendono il loro corpo per capricci di altri e in cui la persona è un prodotto commerciale per arricchire le agenzie. Se il Parlamento non si muoverà rapidamente – conclude Coghe – per approvare una legge che renda l’utero in affitto reato universale, queste tragiche situazioni saranno realtà».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *