Anche shopping bag ecologiche nel progetto “Aggiungi un posto a tavola” di Semi di Pace e Unicredit

Il progetto “Aggiungi un posto a tavola”, finanziato dal Fondo Carta Etica di Unicredit SpA, sostiene famiglie e cittadini in condizioni di disagio socio-economico residenti in cinque Comuni della provincia di Viterbo (Tarquinia, Montalto di Castro, Monte Romano, Tuscania e Canino), attraverso interventi di ridistribuzione di risorse materiali.

Nel corso dell’ultimo anno, a seguito dell’emergenza Covid-19 e delle misure varate dal Governo per contenere il contagio, la richiesta di viveri e di generi di prima necessità da parte della popolazione ha registrato un progressivo aumento, rendendo necessari il rafforzamento del servizio, realizzato dall’associazione dal 1980 ad oggi, e l’erogazione di prestazioni integrative.

Obiettivi specifici del progetto:

1) Rispondere a un numero sempre maggiore di cittadini e famiglie in stato di indigenza, esclusione e marginalità sociale, le cui condizioni si sono aggravate a seguito dell’emergenza Covid-19;

2) Incrementare e diversificare la disponibilità di prodotti alimentari;

3) Agevolare l’accesso al servizio di distribuzione di viveri e vestiario, per rispondere alle esigenze di cittadini con difficoltà motorie (anziani, disabili, persone senza fissa dimora, genitori soli sprovvisti di mezzo di trasporto);

4) Creare una rete integrata tra servizi socio-sanitari, amministrazioni comunali, enti non profit ed esercizi commerciali impegnati nella lotta allo spreco alimentare.

Destinatari del progetto:

Grazie al progetto “Aggiungi un posto a tavola” si stima di sostenere nel corso dei 12 mesi di progetto, attraverso la distribuzione di viveri e generi di prima necessità, n° 50 nuclei familiari in condizioni di disagio socio– economico (ca. 125 persone), in aggiunta al totale di coloro che nel 2020 erano già in carico all’Associazione per lo stesso servizio (n° 348 persone).

Inoltre, grazie al contributo di UniCredit SpA, nel mese di febbraio 2021 è stato possibile realizzare capienti shopping bag, prodotte grazie al riciclo delle bottiglie di plastica. L’impiego delle sporte ecologiche da parte delle famiglie in occasione delle giornate di distribuzione dei viveri, ha ridotto drasticamente l’utilizzo dei sacchetti monouso in plastica, contribuenti alla sensibilizzazione degli utenti ai temi, da sempre molto cari a Semi di Pace, della tutela e della sostenibilità ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.