Lasciateci vivere i nostri “cinquanta giorni da orsacchiotto”

Da quando non accettiamo più la morte, come parte del pacchetto “vita”?
Da quando sembra insopportabile che il fatto di vivere porti con sé incertezza, imprevedibilità, rischi? Sono carte che prevede anche il Monopoli.

Quando abbiamo deciso che per affrontare una pandemia relativamente pericolosa, la soluzione migliore fosse terminare la civiltà cosi come la conosciamo fino a ora, piuttosto che affrontare e accettare l’unica ovvia clausola finale inclusa nel vivere appieno, che é appunto la morte?
Magari non nel vivere “un giorno da leone”, ma nemmeno cento giorni da pecora, piuttosto i famosi cinquanta giorni da orsacchiotto di Troisi.

Fabio Vianello

Un pensiero riguardo “Lasciateci vivere i nostri “cinquanta giorni da orsacchiotto”

  • 28 Ottobre 2020 in 08:26
    Permalink

    SEI TU CHE DECIDI QUALE VITA SCEGLIERE.. SE DA LEONE O PECORA… OD ORSACCHIOTTO. NON DEVI CHIEDERE IL PERMESSO A NESSUNO.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *