Ru486: perché parli di aborto tu che non sei una donna?

Per i bambini eliminati prima della nascita a qualcuno secca perfino che se ne parli. Per loro nessuna pietà. Nemmeno quella che si prova per un cagnolino abbandonato.

Ipocriti. Si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi. Chiamano “ civiltà” l’ uccisione di un essere umano. Riportano l ‘aborto nell’ambito privato. Con buona pace delle donne lasciate sole col loro dramma. Poi fingono di scandalizzarsi se un ragazzino da uno spintone a un altro ragazzino.

Mi hai detto: tu non sai il dolore di una donna dopo un aborto. Ti sbagli, di donne distrutte dal dolore e dal rimorso ne ho incontrate tante. Perciò bisogna lottare: per mettere in salvo la mamma e il suo adorabile bambino.

(leggi anche)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.