Palermo e la sua lunga storia di alluvioni

Sia chiaro, le alluvioni a Palermo sono sempre esistite, anche con molti morti.

Il motivo? Semplice: nei secoli scorsi si è proceduto in maniera folle a Infossare il Kemonia e il Papireto, i due fiumi della città.
Due fiumi navigabili! E anche gli altri torrenti…sotterrati.

Ergo: a pochissimi metri scorrono fiumi, tuttora. L’acqua di tutta la Conca d’Oro si riversa sotterranea a mare. Quindi con i nubifragi, l’acqua, fisicamente, non può defluire da nessuna parte.

Siccome continuate a citare le caditoie e i tombini, come se tali masse di acqua siano gestibili da qualsiasi tubazione. Non ci sono pompe in grado di gestire questo. Sono milioni di metri cubi di acqua, se piove la quantità di acqua di mesi in poche ore.

Fatevene una ragione, studiate la storia, e dove vivete.

Tutta la Città è costruita negli spazi naturali dei fiumi e dei torrenti, da Boccadifalco al mare, tutta.
Non sapete nemmeno com’è fatta la città, e guardate i tombini…ignari che sotto scorre il fiume.
Il problema e’ strutturale.

https://it.wikipedia.org/…/Alluvione_di_Palermo_del_febbrai…

Francesco Ferla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.