Prima per me, ora per i miei figli ho scelto la paritaria Celestina Donati: una vera e propria scuola di vita

Frequentavo la scuola paritaria Celestina Donati da bambina. Chiamarla scuola per me è molto riduttivo: ho passato molto tempo dentro l’istituto, più di quello che normalmente un bambino passa a scuola. Lì sono cresciuta ed ho imparato tanto, quello che sono oggi rispecchia quello che ho imparato da bambina all’interno dell’oasi. Adesso, dopo quasi trent’anni, i miei figli frequentano la mia stessa scuola.

Percorrere i corridoi dell’istituto è come fare un tuffo nel passato. Mi sembra di guardare una fotografia scattata tanti, tanti anni fa. Alcune cose sono cambiate, il calore, la gioia, l’amore, la passione che si respirano invece ci sono ancora. Tutto questo si può riassumere con una semplice parola: famiglia.

Questo è quello che vorrei trasmettere ai miei figli.

Vorrei fargli capire che non sempre un bambino ha la fortuna di essere accompagnato a scuola dal proprio genitore alle 8.00 del mattino. Ci sono bambini che salutano i propri genitori tenendo ancora gli occhi chiusi, ma almeno nella loro scuola ci sarà sempre qualcuno ad accoglierli e ad aspettare con loro anche quando i genitori tarderanno all’uscita.

Non sempre all’ora di pranzo ci saranno nei piatti le loro pietanze preferite, non sempre avranno voglia di mangiarle. Dovranno però imparare ad assaggiare prima di dire “non mi piace”, dovranno capire che purtroppo ci sono bambini che non hanno la possibilità di scegliere quello di cui hanno più voglia e che bisogna imparare ad apprezzare quello che si ha.

Dovranno capire che è importante alzare la mano, saper aspettare e saper ascoltare. Dovranno imparare a dare spazio anche agli altri, a tutti, anche ai più timidi e a coloro che hanno più difficoltà. Dovranno capire che non esiste solo “io”. Nessuno è migliore dell’altro, ma insieme si può migliorare.

Dovranno capire che anche un “no” è importante, anzi forse è più educativo di un semplice e facile “sì”.
Dovranno capire che sbagliando si impara e che l’impegno darà sempre i suoi frutti.
Dovranno capire che anche il gioco, i momenti di comunione e di condivisione sono educativi e fondamentali per la loro crescita. Dovranno capire che andrà ugualmente bene, anche se non saranno stati loro a vincere. Dovranno capire che donare arricchisce molto di più che ricevere.

Vorrei far capire loro che non devono avere fretta di crescere, anzi se possibile dovranno conservare un po’ di fanciullezza anche da adulti.
Vorrei far capire loro che devono gioire del presente e che quello che impareranno oggi rappresenterà quello che saranno un domani.

Queste sono alcune delle ragioni per le quali ho scelto la scuola Celestina Donati.

Simona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.