Drag Queen per leggere fiabe gender nelle scuole di Roma: fermiamoli!

La decisione di usare una biblioteca comunale per fare propaganda della teoria gender ai bambini è l’ultima follia dei 5 stelle a Roma. Troviamo infatti inaccettabile far leggere a due drag queen fiabe gender a bambini da tre anni in su, così come pubblicizzato sul sito istituzionale del comune di Roma.

Sinceramente non comprendiamo di quali racconti o favole di “inclusione e amicizia” per bambini e bambine, parlino gli operatori culturali della capitale.

Assurda poi la decisione di abolire la classificazione maschile e femminile, coprendo con un asterisco l’ultima vocale sulla locandina promotrice dell’evento.

Sostenere che la differenza uomo donna sia superata è un messaggio sbagliato, che oltretutto sminuisce la ricchezza e la specificità dei due generi. Immaginiamo che si sia trattato solo di una grave svista, la sindaca Raggi, infatti, da madre di famiglia ben può comprendere e condividere le nostre ragioni.

Per questo auspichiamo dal Campidoglio un immediato dietro front.

Per noi esistono valori che non potranno mai essere messi in discussione. Né per quanto riguarda la differenza uomo/donna né per quando riguarda la figura dei genitori che si chiamano rispettivamente padre e madre e né tantomeno per quanto riguarda l’educazione scolastica.

Daniele Giannini, Consigliere regionale della Lega del Lazio

Fernando Urciuolo, responsabile organizzativo di Roma Capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.