Quando incontrai, su un treno di notte, Folco Quillici

Correva l’anno 2011 e a quei tempi mi capitava di lasciare la famiglia al mare in Liguria (precisamente a Sori) per poi raggiungerla nei fine settimana e quindi rientrare a Roma col treno della notte (che allora ancora esisteva) in partenza da Rapallo.

In uno di questi “orridi e traballanti treni” incrociai Folco Quilici e raccontati il tutto sul mio blog.

L’annuncio della sua morte, avvenuta lo scorso 24 febbraio, mi ha riportato alla mente dolcemente questo ricordo e la bella risposta che diede al mio racconto di quel viaggio:

“Caro Giorgio,
rallegramenti per la Sua voglia e capacità di scrivere dopo una nottata in quell’orrido, traballante treno…
Un saluto,
Folco Quilici”

Riposa in Pace e che questo viaggio verso l’Eterno ti sia più confortevole.

folco-quilici-1993

 

z

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *