Le contraddizioni della magnifica Napoli

Luoghi comuni, ignoranza sul luogo, perfino paure (“Vai un’altra volta a Napoli? Ma non hai paura? E non ti togli i braccialetti e l’anello prima di andarci?”, mi sento dire. Io sono stato anche nel cuore di Napoli, la ‘Spaccanapoli’, e non mi è mai successo niente in tanti anni e numerosissime occasioni) accompagnano la splendida Napoli nell’immaginario collettivo.
Una città complessa, piena di contraddizioni: il mare elegante dei ‘signori’ a Caracciolo, quello dei ‘poveri’ a Santa Lucia; la Posillipo della ‘Napoli bene’ e le periferie più sofferenti; la Napoli fortemente religiosa, profondamente cattolica, non solo di san Gennaro o dei fantastici presepi di via San Gregorio Armeno (che ne sono gli aspetti più ‘spettacolari’ e popolari), e la Napoli laica fortemente superstiziosa e disincantata sugli aspetti spirituali della vita; le eleganti vie dello shopping e le tante strade nelle quali non pochi cittadini, uomini e donne, di Napoli chiedono l’elemosina (esperienza che in altre città italiane vedono protagonisti più che altro cittadini rom o africani, ma quasi mai gente del luogo e comunque mai nell’entità così frequente che accade a Napoli).

Ma Napoli, si sa, l’ha detto bene uno dei suoi tanti meravigliosi e geniali figli, Pino Daniele, è mille colori, uno splendido modo di dire che è mille contraddizioni, tanto quanto mille meraviglie: “Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce de’ creature che saglie chianu chianu, e tu sai ca nun si sule. Napule è nu sole amaro, Napule è addore e mare, Napule è na carta sporca e nisciuno se ne importa (…) Napule è ‘na camminata inte viche miezo all’ato, Napule è tutto nu suonno e a sape tutto ‘o munno”.

Stanislao Nievo, giornalista e scrittore milanese, del quale ricorrono a luglio i dieci anni dalla scomparsa, trovo che abbia scritto una cosa molto bella ed altrettanto attinente alle contraddizioni, simbolicamente rappresentate già da Spaccanapoli e dal suo stesso nome che, per l’appunto, ‘spacca’ in due la città, divide le ragioni della contraddizione di una città unica al mondo, non solo per bellezza e per filosofia di vita (il lavoro è ‘fatica’, e la fatica è pena. Se chiedi “Che ore sono?” è facile sentirsi rispondere “Ma perché, che tieni ‘a fa’?”); ebbene Stanislao Nievo ebbe a scrivere: “Se ci fosse una capitale dell’anima, a metà tra oriente e occidente, tra sensi e filosofia, tra onore e imbroglio, avrebbe sede qui a Napoli. Nel mezzo della città si apre via Spaccanapoli, un rettilineo di più di un chilometro, che divide in due l’agglomerato. E’ il cuore di questa babele della storia”.

napoli1 napoli2 napoli3 napoli4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *