La grande lezione di vita di Anna Marchesini, tra ironia e profondità…

Oggi ci ha lasciato Anna Marchesini, celebre attrice, comica, trasformista, doppiatrice umbra. L’artista umbra è stata particolarmente nota al grande pubblico grazie al suo lavoro col “Trio Marchesini”, composto da Tullio Solenghi e Massimo Lopez, con i quali ha offerto momenti di grande ilarità e comicità, geniuna e mai volgare. Di quel periodo è particolarmente famosa la comica rappresentazione dei “Promessi sposi”, parodia in cinque puntate andata in onda nel 1990.

Da anni però Anna Marchesini era affetta di artrite reumatoide, che ha particolarmente inciso nella sua carriera di attrice in teatro, e l’ha consumata fino alla morte giunta in questa mattinata.

Ma quello che resta della grande attrice umbra, oltre alla sua straordinaria carriera, è la dignità con la quale ha vissuto la sofferenza della sua malattia. In particolare in questa sede vorremmo ricordarla con alcune riflessioni che lei stessa rilasciò durante un’intervista a Fabio Fazio per il programma tv Che tempo che fa il 23 novembre del 2013.

In quell’intervista disse: “Io vi garantisco, io ve lo giuro che sono così interessata, appiccicata, morbosamente ghiotta e obesa di vita proprio. Sono così interessata della vita che mi interessa pure la morte, che di essa è il finale, e non è detto. Quindi in fondo mi astengo dal giudizio, che sia qualcosa di bello o di brutto, perché è qualcosa che ci accade, e tutto quello che ci accade è osservabile, tanto più l’indicibile: quello che cammina nel sottosuolo, quello che in genere non compare mai, quello che non abbiamo il permesso di dire, che non abbiamo il coraggio di dire”.

Sono parole di chi ha assaporato la bellezza della vita, e che nella sofferenza riesce a viverla con un senso ancora più alto, più profondo. Questa è la grande lezione che Anna ci ha lasciato, tra una risata e una lacrima: quella di imparare a vivere bene! Perché la vita è sempre bella!

Grazie Anna! Possa tu riposare in pace!

anna-21

 

 

z

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *