Archivio categoria: cultura

Maria dà luce ai pargoli cristiani

Adolfo Wildt, Maria dà luce ai pargoli cristiani, 1917, marmo, Fondazione Chiara e Francesco Carraro, ora a Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna – Venezia Il contenuto è di originale concezione perché l’autore coniuga il tema tradizionale della maternità ad ulteriori soggetti mariani: vi troviamo l’eco della Madonna dell’Umiltà, del sogno della Vergine con la visione dell’albero di Jesse fino a un’ originale versione della Trinità con i tre bambini nel grembo della donna. Nel lugubre profilo di Maria poi,

Il testamento di una vita: “The Mule” di Clint Eastwood

Earl Stone, floricoltore appassionato dell’Illinois, è specializzato nella cultura di un fiore effimero che vive solo un giorno. A quel fiore ha sacrificato la vita e la famiglia, che di lui adesso non vuole più saperne. Nel Midwest, piegato dalla deindustrializzazione, il commercio crolla e Earl è costretto a vendere la casa. Il solo bene che gli resta è il pick-up con cui ha raggiunto 41 stati su 50 senza mai prendere una contravvenzione. La sua attitudine alla guida attira

Il Direttore d’Orchestra parla col pubblico per spiegare Mozart, Rossini e Verdi

Ho avuto la possibilità di accompagnare mio figlio Matteo (8 anni) al Teatro Eliseo in Roma per assistere al progetto “Ouverture a Mozart, Rossini e Verdi” organizzato da Europa Incanto Orchestra e diretto da Germano Neri. “Mozart, Rossini e Verdi hanno certamente molto in comune, dall’eccezionale capacità delle loro creazioni musicali (…) fino al puro e semplice amore per le cose belle della vita. Grazie all’innovativo format che vede l’interazione tra il Direttore di Orchestra e il pubblico, verranno svelati

Quelle pagine bianche sono diventate “Corri e non fermarti mai”, il libro di Nada Di Gregorio

“Ricordate che per ogni porta che aprirete, scoprirete in voi una persona diversa”. In queste poche, semplici, chiare pagine (tipiche di chi vive in montagna, guardando il mare, ed è nata essenziale e semplice) Nada Di Gregorio racconta la sua vita normale, scombussolata dalla scoperta del tumore al seno, e poi ripartita e riconquistata grazie alla scelta di vivere e all’aiuto di pochi, famigliari e amici veri e medici intelligenti. “Corri e non fermarti mai – Dopo ogni traguardo c’è

Il Padre Nostro di David Bowie in memoria di Freddie Mercury

Ieri ricorreva il terzo anniversario della morte di David Bowie, il geniale Duca Bianco che ha dato una grandissima impronta alla storia del rock e alla sua evoluzione, soprattutto a cavallo degli anni ’70, con dischi che partendo dal glam rock, lambivano poi l’avanguardia tedesca e il pop da classifica. Un energico trasformista che in più di un’occasione non ha mancato di provocare con le sue uscite audaci. Ma altrettanto audace e sorprendente fu la sua uscita del 20 aprile

Vent’anni senza Fabrizio De André

11 gennaio 1999: muore Fabrizio De André. Ricordo ancora quella mattina di inverno: avevamo da poco ripreso le lezioni dopo la pausa natalizia. Giunse in classe la prof.ssa Consiglia Massimo, docente di Italiano e Storia, e commossa ci comunicò che era morto colui che considerava il più grande poeta contemporaneo della storia italiana del Novecento. Tentò anche un parallelismo tra le sue canzoni e addirittura la Divina Commedia. Di Fabrizio De André spesso mi aveva parlato mia madre quando ero

La prefazione di Pasquale Pierro al nuovo libro di Giorgio Gibertini “#seguimichesonofelice”

Prefazione a #seguimichesonofelice: Piccola Storia Felice “Tutto canta e grida di gioia” (Sal 65,14) Il Salmo 65 ci mostra una realtà permeata dalla Grazia, talmente bella da non poter essere rovinata da nulla, nemmeno dal male. Il salmista esulta alla fine con un perentorio “Tutto canta e grida di gioia!”, “Tutto è bello!”. Il motivo è che tutto è in armonia con il Creatore e Signore della vita; non è che questo il segreto della felicità! Oggi più che mai

Prophetic Economy: una economia profetica è possibile, è già presente, è giusta ed ecologica

  Si è concluso l’evento internazionale che ha visto un prezioso scambio interattivo e intergenerazionale, dal networking alla collaborazione concreta fra diverse realtà che hanno in comune la voglia di cambiare il mondo. Nuovo e determinante il contributo dei giovani e ragazzi presenti. Molte le buone pratiche presentate, azioni profetiche già del presente. “Non solo singoli passi, ma una foresta intera che cresce in silenzio”. È questa una delle impressioni dei 500 partecipanti provenienti da oltre 40 Paesi dei cinque

A “quattr’occhi”: il Sinodo dei Giovani e l’icona di Bose citata da Papa Francesco

Papa Francesco ha detto ai giovani del sinodo: “C’è un’icona del Monastero di Bose, tanto bella  in cui si vede un monaco giovane che porta sulle spalle un anziano …” In questo breve tweet, o meglio nella prima parte di questo tweet di Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica ecumenica di Bose (in Piemonte) si può cogliere il senso profondo del Sinodo dei Giovani. Con la sua potenza espressiva e comunicativa papa Francesco si rifà ad un’icona per parlare della questione

Un piccolo “scalo” diventa, casualmente, un vero e proprio tuffo nel Medioevo

Da un cliente all’altro scegliendo di passare per l’interno delle colline marchigiane (precisamente da Montefano a Grottazzolina) mi sono imbattuto, per un errore mio di interpretazione del navigatore, nell’improvviso e ampio parcheggio di Montecosaro Scalo che si apre proprio di fronte alla Abbazia di Santa Maria a Piè di Chienti. Un rapido sguardo all’orologio mi ha permesso di capire che potevo prendermela con comoda, visto l’anticipo e quindi, scorgendo la porta dell’Abbazia aperta, ho deciso di fare una piccola sosta,

« Articoli precedenti