Archivio categoria: chiesa

La gioia del Natale è preceduta dalla gioia di una Madre

La vocazione di Maria. Questa la chiave di lettura più appropriata per entrare in uno dei testi più belli del Nuovo Testamento e dell’Anno Litutgico. Non credo di esagerare di feeling ‘mariano’. Parola di Vita Introduzione al Vangelo della Solennità dell’Immacolata concezione di Maria Lc 1,26-38 La vocazione di Maria. Questa la chiave di lettura più appropriata per entrare in uno dei testi più belli del Nuovo Testamento e dell’Anno Litutgico. Non credo di esagerare di feeling ‘mariano’. Come avvenne

Il Presepe per tutti, credenti e non credenti

LA MANGIATOIA Francesco, il Papa della tenerezza, ancora una volta, ci chiede di non aver paura della tenerezza. E lo fa invitandoci ad allestire e contemplare il presepe “nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze». Per dire, senza bisogno di tante parole, che Dio, creatore e Signore del cielo e della terra, si è fatto un bambino bisognoso di coccole e carezze. Si è consegnato a noi, alla nostra carità, alla nostra responsabilità, nella sua

La differenza tra canti liturgici e inni politici

Il Signore Gesù si è messo nelle mani degli uomini, è vero. E gli uomini, tra loro, sono così diversi, per indole, cultura, età, gusti. È vero. Basta mettere insieme un piccolo gruppo di persone per un progetto comune e, dopo poco tempo, avvertiranno l’esigenza di darsi una regola, uno statuto. In questi anni, se non avessimo avuto l’argine forte della Costituzione, dai fiumi spumeggianti dei partiti politici avremmo non poche volte rischiato l’inondazione. In una società liquida come la

Avvento: riscoprire l’essenzialità della vita e vivere il tempo in pienezza.

Parola di Vita Introduzione al Vangelo della I Domenica del Tempo di Avvento Mt 24,37-44 L’inizio dell’anno liturgico è simile alla fine dello stesso anno liturgico. Cristo viene a portare compimento alla storia. Porta il mondo intero ad entrare nel Regno di amore del Padre. Siamo sempre tutti invitati a questo progetto: la comunione eterna. Il Vangelo con realismo ci descrive il discernimento dell’uomo. Scegliere o rifiutare. Amare o no. Fidarsi o chiudersi. Impegnarsi o vivere in pigrizia. E quindi

Il tratto distintivo di un cristiano: la gioia!

Fare centro. L’essere umano è affamato, assetato di gioia; la desidera, la cerca, la brama, anche quando non se ne accorge. E Dio lo sa. “Queste cose vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena” disse Gesù, parlando ai suoi discepoli. L’annuncio del Vangelo, perciò, deve essere fatto con gioia per la nostra gioia. Dio non si è accontentato di darci qualcosa della sua maestà, ha voluto svuotarsi di tutto per donarci

Che cosa vuol dire la Festa di Cristo Re

Parola di Vita Introduzione al Vangelo della XXXIV Domenica del Tempo Ordinario – Solennità di Gesù Cristo Re dell’Universo Lc 23,35-43 Regalità di Cristo. Festa di fine anno. Liturgico, si intende. A sottolineare che tutte trova pieno compimento in Lui: le stagioni, gli anni. I nostri lavori, progetti. Tutta quanta la storia. L’universo intero. Tutto trova pienezza nella Signoria di Gesù. Questo è un aspetto importante della nostra fede. Ma risulta essere l’ultimo di una serie di tappe. Se così

La fine del mondo o il fine ultimo della storia?

Parola di Vita Introduzione al Vangelo della XXXII Domenica del Tempo Ordinario Luca 21, 5-19 Discorso escatologico di Gesù. Terra terra: preparazione alla fine del mondo? Ma certo che no. Semmai al maschile: preannuncio ‘del’ fine ultimo della storia. Compimento della vita è il Regno di Dio che soffre persecuzioni. Il credente che vive il Vangelo è un martire. Un uomo tribolato da mille parti, a causa di Gesù. Guardando alle tante storie del calendario dei Santi, sempre nelle loro

Questa Domenica chi proverà a far inciampare Gesù?

Parola di Vita Introduzione al Vangelo della XXXII Domenica del Tempo Ordinario Luca 20, 27-38 Ma non ti arrendi mai!, disse una volta san Filippo Neri al diavolo tentatore che puntualmente tornava a disturbarlo con inutili e numerosi tentativi di dissuasione dal Signore. E così possiamo dire nei confronti dei Sadducei. Sono, nel capitolo 20 di Luca, l’ennesimo gruppo religioso che vuole far inciampare Gesù nella rete dell’inganno. Questa volta non per scopi politici, a differenza dei capi dei sacerdoti,

Halloween e/o Tutti i Santi? Tradizioni, sviluppi e diatribe

Dolcetto o scherzetto? Con questa domanda – i nati tra il 2000 e il 2012 circa – vanno in giro casa per casa dando inizio il pomeriggio del 31 ottobre alla ormai entrata appieno anche in casa italiana della anglosassone e poi americana festa di Halloween. Vi risparmio la cronistoria, dal momento che Wikipedia ed anche dei semplici sociologi e storici che scrivono su internet in questi giorni sanno descrivere molto bene le origini e gli sviluppi di questa festa.

La Domenica del pubblicano che parla a Dio come un bimbo parla alla sua madre

Parola di Vita Introduzione al Vangelo della XXX Domenica del Tempo Ordinario Luca 18, 9-14 La parabola ha un forte ed efficace impatto comunicativo e performativo. In altre parole nella sua brevità e nella sua estrema concretezza è facilmente memorizzabile dalla mente, e inoltre per chi si lascia condurre per mano da essa è balsamo per il cuore in ricerca di Dio. E non solo: è anche dura e aspra come il sale sulle ferite. Questo vuol dire performativa: sana

« Articoli precedenti