Archivio categoria: buongiorgio

Quelle pagine bianche sono diventate “Corri e non fermarti mai”, il libro di Nada Di Gregorio

“Ricordate che per ogni porta che aprirete, scoprirete in voi una persona diversa”. In queste poche, semplici, chiare pagine (tipiche di chi vive in montagna, guardando il mare, ed è nata essenziale e semplice) Nada Di Gregorio racconta la sua vita normale, scombussolata dalla scoperta del tumore al seno, e poi ripartita e riconquistata grazie alla scelta di vivere e all’aiuto di pochi, famigliari e amici veri e medici intelligenti. “Corri e non fermarti mai – Dopo ogni traguardo c’è

Un gioiello di semplicità: la chiesa di San Rocco a San Valentino in Abruzzo Citeriore

E’ semplice. Più la guardi, che sia notte o giorno, più ti domandi come può essere così splendida nella sua semplicità per poi capire che è splendida proprio grazie a quella semplicità. Nello spazio internet dove si parla di lei si scrive così: “E’ un classico esempio di architettura religiosa del tratturo o rurale, edificata in varie zone e riconoscibile per la semplicità degli elementi architettonici compone la facciata e gli interni. La posizione della chiesa è sopraelevata, su una

E’ facile trasformare un giorno qualunque in un giorno speciale

In Italia soprattutto è facile trasformare un giorno qualunque in un giorno speciale. Come? Ingredienti: un paio di amici (non importa da quanto tempo li conosci, basta che vi sia sintonia d’anime e il tempo comincia a non contare e scopri sempre qualcosa di nuovo); qualcosa di bello da visitare (siamo stati alla Cantina vinicola Zaccagnini che è un vero e proprio museo all’aperto e al chiuso, oltre ad essere una delle più rinomate aziende produttrici di ottimo vino italiano)

In meno di cento pagine di Piccola Storia Felice ho già ricevuto il mio Centuplo

Il mio nuovo libro #seguimichesonofelice – Piccola Storia Felice mi sta dando grandi soddisfazioni perchè in tanti (come pubblico sul mio blog www.buongiorgio.com) si stanno lasciando contagiare dalla ricerca dell’allegria e, inevitabilmente poi contagiano altri. #seguimichesonofelice non vuol dire che bisogna seguire me ma la ricerca della felicità nel quotidiano. Qualche settimana fa ho visto passare su Amazon un acquisto di 50 copie del mio libro e ho poi scoperto che l’amica Emidia Formica (mi pregio di considerarla amica), dopo

Anche un sacchetto di carta mi sorride e mi invita a #seguimichesonofelice

In ufficio da una cliente scopro questo enorme sacchetto di carta fucsia che mi accoglie sorridendo con le corde dei manici. Smile! Poi non dite che sono io che cerco ovunque un po’ di allegria e sorriso (come ho scritto nel mio ultimo libro #seguimichesonofelice) quando dico: “Ogni mattina alzati e cerca la felicità. Vai in cerca della felicità che potresti già trovare accanto nel tuo letto (quindi senza bisogno neanche di alzarti), nell’altra stanza di casa tua, dal pianerottolo

Al funerale di mamma Chiarina il sacerdote invita a fare gli “Auguri” per la sua nuova vita

Ho partecipato con commozione al funerale di mamma/nonna Chiarina, donna che non ho mai conosciuto ma che è madre di Mario, mio carissimo amico e “compagno/avversario” del giovedì sera a calcio. Certe persone le conosci tramite i silenzi dei figli, le lacrime del genero, la compostezza di tutti i nipoti e lo sguardo basso del marito. Poi ai funerali ci sono le parole dei sacerdoti i quali spesso conoscono bene i defunti e quindi raccontano qualche aneddoto, altre volte invece

La prefazione di Pasquale Pierro al nuovo libro di Giorgio Gibertini “#seguimichesonofelice”

Prefazione a #seguimichesonofelice: Piccola Storia Felice “Tutto canta e grida di gioia” (Sal 65,14) Il Salmo 65 ci mostra una realtà permeata dalla Grazia, talmente bella da non poter essere rovinata da nulla, nemmeno dal male. Il salmista esulta alla fine con un perentorio “Tutto canta e grida di gioia!”, “Tutto è bello!”. Il motivo è che tutto è in armonia con il Creatore e Signore della vita; non è che questo il segreto della felicità! Oggi più che mai

Un piccolo “scalo” diventa, casualmente, un vero e proprio tuffo nel Medioevo

Da un cliente all’altro scegliendo di passare per l’interno delle colline marchigiane (precisamente da Montefano a Grottazzolina) mi sono imbattuto, per un errore mio di interpretazione del navigatore, nell’improvviso e ampio parcheggio di Montecosaro Scalo che si apre proprio di fronte alla Abbazia di Santa Maria a Piè di Chienti. Un rapido sguardo all’orologio mi ha permesso di capire che potevo prendermela con comoda, visto l’anticipo e quindi, scorgendo la porta dell’Abbazia aperta, ho deciso di fare una piccola sosta,

Dall’invisibile al visibile, al Maker Faire tutto è possibile

Difficile scegliere tra centinaia di espositori, migliaia di idee (molte meritevoli per davvero), decine di azzeccatissime creazioni (complimenti a tanti, dall’Esercito Italiano a Robotic Thunder passando per Polygonal e per tutti gli stands del padiglione sul riciclo e sugli orti urbani, ritornando dai chimici di Scienza Divertente Roma fino ai Droni ovunque e per tutto). Difficile e pericoloso fare elenchi, come sto facendo, perché sicuramente qualcuno lo si dimentica ma il consiglio dei Gibertini riunito nel viaggio di ritorno (ogni

Le ferme (dure) quanto dolci (amorevoli) parole di Papa Francesco sull’aborto

Come sempre i giornali hanno preso solo una frase dal contesto, quella più dura, tralasciando tutto il resto del discorso sul “Non uccidere” che, a mio parere, è uno dei più bei interventi di Papa Francesco sul tema della vita e che invito a leggere in forma integrale o qui sotto o sul sito Vatican.va Il passaggio più forte è sicuramente questo: “Si potrebbe dire che tutto il male operato nel mondo si riassume in questo: il disprezzo per la

« Articoli precedenti