Articoli di: Pasquale Pierro

Grazie di tutto, Professore: le tue lezioni ci hanno portato il soffio dello Spirito Santo

mons-_michele_lenoci

  Domenica scorsa è deceduto don Michele Lenoci, da decenni docente di Esegesi del Nuovo Testamento presso la Facoltà Teologica Pugliese di Molfetta. Ha formato centinaia di studenti allo studio della Sacra Scrittura, alla comprensione dei suoi tesori più preziosi e spesso nascosti (anche perché sotterrati sotto una spessa coltre di moralismo bigotto). Ho avuto l’onore di seguire i suoi corsi sui Vangeli Sinottici e l’Opera Giovannea. Era un uomo timido e schivo, ma non per questo privo di una

Il presepe del nostro tempo

25498465_1979802938701225_1593427934817391937_n

Siamo ancora nel pieno delle festività natalizie. Il Papa a più riprese, sia durante la veglia della notte di Natale, che durante la benedizione Urbi et Orbi nel giorno di Capodanno, ha ricordato la drammatica situazione di tantissime persone, costrette ad abbandonare la propria terra in cerca di speranza. Spesso però devono sbattere contro la chiusura gretta di una società chiusa nella propria opulenza, che non ha spazio per l’altro, anzi, nello “straniero” vi intravede una minaccia. Poco prima delle

A proposito “dell’ipocrisia” dei cattolici

biot-1

Qualche giorno fa un mio contatto su Facebook aveva condiviso questa riflessione di Sergio Mandelli sul tema della Legge sul Biotestamento. La condivido in questo spazio!   A PROPOSITO DELL’IPOCRISIA DEI CATTOLICI Qualche giorno fa, in seguito ad alcune mie riflessioni riguardanti una legge a mio parere sbagliata, quella della cosiddetta “morte dignitosa”, è saltata fuori, da parte di due persone a me care, l’accusa di ipocrisia. Secondo loro, i cattolici (ed io in quanto cattolico) sarebbero ipocriti perché… perché,

Can you feel my heartbeat… Nick Cave & The Bad Seeds a Roma

nick-cave-the-bad-seeds-201036077-300x300

Nick Cave è un pezzo importante della mia formazione. Sono un amante della musica sin da tenerissima età, una passione che mi ha trasmesso mia madre. Quando ero piccolo, ricordo che spesso mi parlava dei cantanti che a lei piacevano da ragazza, e mi citava Bob Dylan, i Beatles, Franco Battiato… Poteva essere il 1990 o giù di lì. Comprammo una radio col mangianastri, e con essa una serie di cassette vergini. Mia madre aveva l’abitudine di registrare dalla radio

Educare all’autonomia

122932023-35e03e4a-dcf9-4f33-8984-1642c2a39287

I bambini che tornano a casa da soli alle medie dovranno farsene una ragione. Poiché hanno meno di 14 anni e una legge nazionale a tutela dei minori se ne occupa per la loro incolumità, dovranno aspettare un adulto all’uscita della classe, genitori, nonni o comunque un “grande” fidato che li accompagni, li prenda per mano. Questo è l’intervento del Ministro Valeria Fedeli, che ricorda la gravissima responsabilità di genitori ed insegnanti relativamente all’incolumità e alla sicurezza degli alunni che

A chi fa paura un’Ave Maria?

macerata_l_57436875

Succede che il 13 ottobre la professoressa Clara Ferranti, ricercatrice di Glottologia e Linguistica al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Macerata, fa lezione a un centinaio di studenti di Lingue e Lettere. Alle 17:30 in punto si interrompe e li invita ad alzarsi in piedi e, chi vuole, recitare l’Ave Maria, una «preghiera per la pace» che quel giorno a quell’ora, nel centenario dell’apparizione della Madonna di Fatima, si tiene in varie parti d’Italia. Alcuni studenti pregano, altri rimangono

L’uomo venuto da un paese lontano

16-10-1978  PAPA GIOVANNI PAOLO II SALUTA DALLA FINESTRA SUBITO DOPO LA SUA ELEZIONE PONTIFICIA

Carissimi fratelli e sorelle, siamo ancora tutti addolorati dopo la morte del nostro amatissimo Papa Giovanni Paolo I. Ed ecco che gli Eminentissimi Cardinali hanno chiamato un nuovo vescovo di Roma. Lo hanno chiamato da un paese lontano… lontano, ma sempre così vicino per la comunione nella fede e nella tradizione cristiana. Ho avuto paura nel ricevere questa nomina, ma l’ho fatto nello spirito dell’ubbidienza verso Nostro Signore Gesù Cristo e nella fiducia totale verso la sua Madre, la Madonna

Gli ultimi saranno i primi: ciao Valentino!

22008058_10214199592321674_9205244481864121801_n

Non lo conoscevo di persona, ma mi capitava spesso di vederlo seduto all’ultimo banco a messa nella mia parrocchia di San Lino, con il suo rosario al collo. Valentino era uno degli “ultimi”, uno di quelle persone sfortunate, a cui la vita ha riservato poche soddisfazioni. Mi diceva l’amico Alessandro Bianchi (che si occupava spesso di lui), che era vittima dell’alcool, e che spesso lo ritrovavano nella Pineta Sacchetti riverso per terra a causa delle sue bevute. Ma nello stesso

Inno alla vita!

madreteresa

Questa mattina mi risuonano nella mente queste parole di Madre Teresa, e ho pensato che possiamo centuplicare questo inno alla vita! La vita è un’opportunità, coglila. La vita è bellezza, ammirala. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è un sogno, fanne una realtà. La vita è una sfida, affrontala. La vita è un dovere, compilo. La vita è un gioco, giocalo. La vita è preziosa, conservala. La vita è una ricchezza, conservala. La vita è amore, godine. La vita

Non aver paura di rompere le scatole!

don_puglisi

Le scuole hanno ormai riaperto in tutta Italia. Da insegnante guardo negli occhi ogni anno i miei alunni e nei loro volti scorgo sempre l’anelito inconfondibile alla speranza, alla voglia di crescere, alla sete di bellezza, anche quando non lo danno a vedere, o anche quando preferiscono mostrare i loro aspetti più superficiali. Il mio augurio di buon anno scolastico giunge con le parole di un illustre collega: don Pino Puglisi. Oggi ricorre l’anniversario del suo omicidio per mano della

« Articoli precedenti Articoli successivi »