Articoli di: Giorgio Gibertini

Il mare è il luogo dove la poesia e la preghiera si incontrano e prendono il largo assieme

brigantino

Dopo una intensa giornata di lavoro lungo gli splendidi colli maceratesi incontrando laboratori d’analisi, farmacie e cantine vinicole, ho depositato le mie stanche membra all’albergo Hotel il Brigantino di Porto Recanati. Sono arrivato a questa destinazione con una ricerca su internet e se all’inizio ho pensato fosse un incontro casuale, ho capito poi esserci dentro qualcosa di provvidenziale. Se il mare è il luogo dove la poesia e la preghiera si incontrano e prendono il largo assieme, qui, dagli affacci del

Roma-Barcellona: si può anche piangere di gioia per una partita di calcio

manolas

Al terzo goal della Roma (quello di Manolas, risultato poi determinante per il passaggio del turno) mio figlio Massimo (11 anni) si è messo a piangere sbattendo i pugni sulla sedia. Un pianto lungo, quasi isterico, molto liberatorio che si è interrotto a fatica, grazie a un mio forte abbraccio, quando siamo tornati tutti sul divano per seguire, con sofferenza, gli ultimi minuti di quella che resterà nella storia come la Romantada (remuntada). Ho scritto subito un tweet: “Belle emozioni,

A Roma non si può dire la verità neanche sull’aborto

manifesto-pro-vita

C’è un buco enorme a Roma, e non sto parlando sull’asfalto delle strade della nostra città ma su quel palazzo di via Gregorio VII dove è stato rimosso un semplice manifesto pro vita, pro life, che per qualche giorno ha mandato un messaggio di speranza ma soprattutto  di verità. Il vero male del nostro tempo è questo: non si può dire la verità. Il vero buco è nei nostri cervelli: manca la verità! Non si può dire che si nasce

Se Papa Francesco visiterà, nello stesso giorno, Nomadelfia e Movimento dei Focolari, ci sarà un perché

sempre-unum

Non ci sarà un “perché” il prossimo 10 maggio. Il perchè c’è già e arriva dalla Storia di questi due Movimenti e dalla conoscenza, stima, rispetto e fraternità tra i membri di queste due realtà. Proprio oggi il sito della Comunità di Nomadelfia pubblica un interessantissimo, e lunghissimo, carteggio tra don Zeno Saltini, fondatore di Nomdelfia, e Igino Giordani, quello che Chiara Lubich definiva il cofondatore del Movimento dei Focolari. L’articolo si conclude così: “Ma la sintesi più profonda di

Distribuendo ramoscelli d’Ulivo in Pineta Sacchetti a Roma

ulivo1

Giornata finalmente primaverile. Nel pomeriggio siamo andati coi bambini in Pineta Sacchetti a giocare col pallone e, a un certo punto, siamo stati raggiunti da due signore che gentilmente ci hanno donato una ramoscello di ulivo e un invito alla Liturgia Eucaristica Pasqua di Resurrezione, per sabato prossimo (Sabato Santo) presso la Cappellina di San Francesco gestita dalla Comunità di Sant’Egidio di Primavalle. “Possiamo donarvi un ramoscello d’Ulivo?” Coi bambini abbiamo risposto affermativamente e abbiamo ricambiato gli auguri per una buona Settimana

“Giudizio Universale”: uno strepitoso spettacolo da tutti i sensi all’insù

giudizio-universale2

Siamo stati con famiglia a vedere il “Giudizio Universale” , lo spettacolo semplice e immediato, ricco di arte e degli effetti più sofisticati e moderni dell’intrattenimento dal vivo, che spiega bene come ha potuto Michelangelo dipingere la Cappella Sistina. Sessanta minuti di goduria per tutti i sensi che sono pienamente coinvolti non solo perchè ci si deve girare e rigirare sulla propria poltrona, come fossimo proprio nella cappella Sistina, per vedere le opere “raccontarsi”, ma anche perché le voci fuori

Quale è il ruolo di un genitore di fronte alla malattia del figlio?

maria-laura-il-centuplo

Lo abbiamo capito da subito che la malattia era di nostra figlia, non la nostra. Non dovevamo noi essere protagonisti ma solo capire quale sarebbe stato, da quel momento in poi, il nostro ruolo. La malattia ti mette davanti per forza ad una scelta, non puoi scappare. Noi abbiamo deciso di accompagnare nostra figlia che oggi festeggia otto anni”. Lo hanno raccontato con estrema semplicità i nostri amici, durante l’incontro mensile delle “giovani coppie” della Parrocchia che aveva come tema la fragilità,

“Senza fame si impara meglio”, ecco dove vanno i “nostri soldi”

passo-dopo-passo

Durante lo scorso incontro Amical a Firenze è intervenuta anche Suor Marilia Evangelista Lima, per parlare del progetto: “Tola, Nicaragua -Passo a passo progetto di sostegno e di speranza”. Il sorriso di Suor Marilia ha accompagnato la sua esposizione e ha coinvolto tutti noi presenti trasmettendoci la gioia dell’aiutare, concretamente, il prossimo. Quante volte davanti a una donazione ci siamo domandati: ma questi soldi che fine faranno? Serviranno davvero per aiutare le persone, quelle belle faccine di bambini che vediamo sui cartelloni

Pasta Rummo: lenta lavorazione, grande resilienza

rummo

Non mi sono neanche accorto che sotto di me vi fosse il “fiume” Calore (fiume…. beh dai, il torrente) perché ero concentrato nel trovare la strada giusta per giungere al Pastificio Rummo. Eppure la notte tra il 14 e il 15 ottobre del 2015 (neanche tre anni fa) quel fiume (torrente) si è ingrossato improvvisamente, ha creato un’onda di oltre sette metri che ha invaso la zona industriale e distrutto quasi tutto lo stabilimento della Rummo Spa e i giorni

I cinque pilastri del volontariato e per il volontario

volontariato-cinque-pilastri

Padre Stefano Locatelli apre il suo sorriso, assieme alle slides (missione-e), e prima di cominciare a parlare del tema affidatogli (“Perché fare volontariato?”) dice con voce e sguardo soddisfatti: “Qui è iniziato tutto”. In quell’attimo di pausa, prima che riprenda a parlare, penso a dove mi trovo, ovvero presso la casa generalizia delle Suore Calasanziane, e ai luoghi che ho appena visitato, quindi la stanza dove viveva e dove morì la Madre fondatrice Celestina Donati e la tomba dove ancora

« Articoli precedenti