Articoli di: marzo 2018

La vera Buona Scuola: gli alunni insegnano a pregare!

crucis

Papa Francesco ci ha abituati alla sorpresa sin dal giorno della sua elezione. Il suo pontificato è una continua meraviglia, denso della bellezza della sua semplicità e della straordinaria “rivoluzione silenziosa” dettata dai suoi gesti. Quest’anno ha voluto affidare agli alunni del Liceo Pilo Albertelli di Roma il compito di scrivere i testi delle meditazioni della tradizionale Via Crucis al Colosseo della sera del Venerdì Santo. Gli alunni sono stati aiutati nella realizzazione dal Prof. Andrea Monda, docente di religione,

Distribuendo ramoscelli d’Ulivo in Pineta Sacchetti a Roma

ulivo1

Giornata finalmente primaverile. Nel pomeriggio siamo andati coi bambini in Pineta Sacchetti a giocare col pallone e, a un certo punto, siamo stati raggiunti da due signore che gentilmente ci hanno donato una ramoscello di ulivo e un invito alla Liturgia Eucaristica Pasqua di Resurrezione, per sabato prossimo (Sabato Santo) presso la Cappellina di San Francesco gestita dalla Comunità di Sant’Egidio di Primavalle. “Possiamo donarvi un ramoscello d’Ulivo?” Coi bambini abbiamo risposto affermativamente e abbiamo ricambiato gli auguri per una buona Settimana

“Giudizio Universale”: uno strepitoso spettacolo da tutti i sensi all’insù

giudizio-universale2

Siamo stati con famiglia a vedere il “Giudizio Universale” , lo spettacolo semplice e immediato, ricco di arte e degli effetti più sofisticati e moderni dell’intrattenimento dal vivo, che spiega bene come ha potuto Michelangelo dipingere la Cappella Sistina. Sessanta minuti di goduria per tutti i sensi che sono pienamente coinvolti non solo perchè ci si deve girare e rigirare sulla propria poltrona, come fossimo proprio nella cappella Sistina, per vedere le opere “raccontarsi”, ma anche perché le voci fuori

Quale è il ruolo di un genitore di fronte alla malattia del figlio?

maria-laura-il-centuplo

Lo abbiamo capito da subito che la malattia era di nostra figlia, non la nostra. Non dovevamo noi essere protagonisti ma solo capire quale sarebbe stato, da quel momento in poi, il nostro ruolo. La malattia ti mette davanti per forza ad una scelta, non puoi scappare. Noi abbiamo deciso di accompagnare nostra figlia che oggi festeggia otto anni”. Lo hanno raccontato con estrema semplicità i nostri amici, durante l’incontro mensile delle “giovani coppie” della Parrocchia che aveva come tema la fragilità,

Oh San Giuseppe, ti ho pregato forse troppo poco

festa-di-san-giuseppe-2014

Oh, san Giuseppe! Ti ho pregato forse troppo poco… Te ne chiedo perdono. Ho parlato di te, ma non ho parlato con te, che pure tante cose ci hai detto con il tuo silenzio, con la tua prontezza ad eseguire i voleri di Dio, con quel tuo lavoro quotidiano che insegna a tutti gli uomini, e specie ai poveri del mondo, ad elevare il loro. Tu sei il protettore della Chiesa, e Papa Giovanni t’ha dato in essa un posto

“Senza fame si impara meglio”, ecco dove vanno i “nostri soldi”

passo-dopo-passo

Durante lo scorso incontro Amical a Firenze è intervenuta anche Suor Marilia Evangelista Lima, per parlare del progetto: “Tola, Nicaragua -Passo a passo progetto di sostegno e di speranza”. Il sorriso di Suor Marilia ha accompagnato la sua esposizione e ha coinvolto tutti noi presenti trasmettendoci la gioia dell’aiutare, concretamente, il prossimo. Quante volte davanti a una donazione ci siamo domandati: ma questi soldi che fine faranno? Serviranno davvero per aiutare le persone, quelle belle faccine di bambini che vediamo sui cartelloni

Un progetto Passo dopo Passo

nicaragua-083

I Primi Passi: Conoscere la situazione dei bambini: LA FAMIGLIA I bambini e gli adolescenti rappresentano un gruppo numeroso e particolarmente vulnerabile. La difficoltà economica che passa il paese si ripercuote nelle famiglie: – nell’incapacità di soddisfare le necessità basiche. – nell’aumento della violenza familiare, l’autorità e la forza come            strategia di risoluzione dei conflitti. – I Bambini minori di 10 anni partecipano già al mercato lavorativo          come strategia di sopravvivenza familiare.   EDUCAZIONE, SALUTE  E SVAGO –

Pasta Rummo: lenta lavorazione, grande resilienza

rummo

Non mi sono neanche accorto che sotto di me vi fosse il “fiume” Calore (fiume…. beh dai, il torrente) perché ero concentrato nel trovare la strada giusta per giungere al Pastificio Rummo. Eppure la notte tra il 14 e il 15 ottobre del 2015 (neanche tre anni fa) quel fiume (torrente) si è ingrossato improvvisamente, ha creato un’onda di oltre sette metri che ha invaso la zona industriale e distrutto quasi tutto lo stabilimento della Rummo Spa e i giorni

I cinque pilastri del volontariato e per il volontario

volontariato-cinque-pilastri

Padre Stefano Locatelli apre il suo sorriso, assieme alle slides (missione-e), e prima di cominciare a parlare del tema affidatogli (“Perché fare volontariato?”) dice con voce e sguardo soddisfatti: “Qui è iniziato tutto”. In quell’attimo di pausa, prima che riprenda a parlare, penso a dove mi trovo, ovvero presso la casa generalizia delle Suore Calasanziane, e ai luoghi che ho appena visitato, quindi la stanza dove viveva e dove morì la Madre fondatrice Celestina Donati e la tomba dove ancora

« Articoli precedenti