Articoli di: gennaio 2018

Il nostro saluto alla cantante dei Cranberries: “Ciao Dolores!”

dolores

Ieri sera è giunta la notizia della morte di Dolores O’Riordan, la cantante del gruppo rock irlandese The Cranberries. Era malata da tempo e le sue condizioni di salute non le avevano permesso di proseguire il tour con la band nel corso della scorsa estate. Negli anni ’90 i Cranberries avevano saputo raccogliere al meglio l’eredità del rock “celtico” e popolare degli U2, grazie a un pugno di vibranti invettive e di eteree ninnananne, intrise di quel fascino “magico” che ha

“Teniamoci in contatto”: un gran bel libro per chi vuole cominciare a cambiare vita

teniamoci-in-contatto-copertina

Vuoi cambiare vita e ti senti una donna o un uomo moderno del 2018? “Teniamoci in contatto – La vita come impresa” di Reid Hoffman e Ben Casnocha è un libro imprescindibile se senti di essere a un nuovo punto di svolta della vita, soprattutto sotto il profilo lavorativo. (Reid Hoffman è cofondatore e presidente di Linkedin.) I consigli pratici (con tanto di “prenditi il tempo per”) sono tanti a cominciare da quello di considerarsi tutti come una start up,

Grazie di tutto, Professore: le tue lezioni ci hanno portato il soffio dello Spirito Santo

mons-_michele_lenoci

  Domenica scorsa è deceduto don Michele Lenoci, da decenni docente di Esegesi del Nuovo Testamento presso la Facoltà Teologica Pugliese di Molfetta. Ha formato centinaia di studenti allo studio della Sacra Scrittura, alla comprensione dei suoi tesori più preziosi e spesso nascosti (anche perché sotterrati sotto una spessa coltre di moralismo bigotto). Ho avuto l’onore di seguire i suoi corsi sui Vangeli Sinottici e l’Opera Giovannea. Era un uomo timido e schivo, ma non per questo privo di una

Incontri al buio

pistirno3

Era buio anche fuori, oggi. Tanta pioggia per tutto il viaggio. Sono arrivato nei pressi del cliente con una ora di anticipo: il tempo giusto per pranzare con calma e per gettare un veloce sguardo attorno dopo tre ore di guida. Pistrino di Citerna mi diceva qualcosa solo per l’ospitalità all’azienda mia cliente, niente altro. Ho fermato l’auto sotto la pioggia proprio nei pressi di Viale Italia. Appena sceso ho subito scorto la porticina aperta di quella chiesa in fondo alla

Buon lavoro Italia, ho pregato per te

2018 text design on creative business success strategy. Concept modern template layoutю 2017 text surrounded by doodle icons

Ho pregato per voi maestre e professori che oggi iniziate il lavoro di aiutare nella crescita i nostri figli. Ho pregato per te, barista amico, perché il tuo caffè prima di partire mi possa spingere per tutti i giorni dell’anno. Ho pregato per te, che ho incontrato per primo, stamattina, a quel semaforo d’incrocio tra la Battistini e la Pineta Sacchetti, dove vivi da 23 anni con la gentilezza e quel sorriso alla Morgan Freeman che ti contraddistinguono. Ho pregato

“Valè, corri, in ospedale c’è il Papa!”

Valerio si fa un selfie col Papa

Ore 17 mi chiama mia madre.. “Valè corri in ospedale che c’è il Papa” Incredulo di fronte a questa notizia mi precipito in ospedale, non ci stavo capendo più nulla, dentro di me dovevo ancora realizzare cosa stesse accadendo… Arrivato sul posto chiedo a una signora se avesse informazioni su dove fosse il Papa.. seguo le indicazioni, cammino per i lunghi corridoi fino a vedere un centinaio di persone ad attendere il pontefice che di lì a poco sarebbe uscito

Il presepe del nostro tempo

25498465_1979802938701225_1593427934817391937_n

Siamo ancora nel pieno delle festività natalizie. Il Papa a più riprese, sia durante la veglia della notte di Natale, che durante la benedizione Urbi et Orbi nel giorno di Capodanno, ha ricordato la drammatica situazione di tantissime persone, costrette ad abbandonare la propria terra in cerca di speranza. Spesso però devono sbattere contro la chiusura gretta di una società chiusa nella propria opulenza, che non ha spazio per l’altro, anzi, nello “straniero” vi intravede una minaccia. Poco prima delle

La famiglia è uno squarcio di eternità nella vita

santa-chiara-interno

Il Sacerdote che celebra la messa delle 11.30 nella Basilica di Santa Chiara in Assisi, ci accoglie festoso nell’ultimo giorno dell’anno. “E’ la festa della famiglia – dice – e mi fa piacere vedere oggi tante famiglie e tanti bambini” Coi quattro nostri figli ci accomodiamo su tre sedie e addosso una colonna. “Oggi celebriamo la festa della famiglia – ripete e sottolinea nell’omelia – perché la famiglia è il Divino che entra nel mondo, nel tempo. La famiglia è