Articoli di: dicembre 2017

A proposito “dell’ipocrisia” dei cattolici

biot-1

Qualche giorno fa un mio contatto su Facebook aveva condiviso questa riflessione di Sergio Mandelli sul tema della Legge sul Biotestamento. La condivido in questo spazio!   A PROPOSITO DELL’IPOCRISIA DEI CATTOLICI Qualche giorno fa, in seguito ad alcune mie riflessioni riguardanti una legge a mio parere sbagliata, quella della cosiddetta “morte dignitosa”, è saltata fuori, da parte di due persone a me care, l’accusa di ipocrisia. Secondo loro, i cattolici (ed io in quanto cattolico) sarebbero ipocriti perché… perché,

Ti ammiro perchè usi le canzoni di Vasco Rossi per parlare anche dei nostri valori

cappellino

Finita la celebrazione della Messa, l’anziano sacerdote, col quale nella vita mi sono scambiato poche confidenze e al quale do ancora del lei, mi fa cenno di raggiungerlo in sagrestia. Dopo il “Prosit” sono da lui e, una volta da soli, mi chiede la cortesia (gratificante per me) di aiutarlo nella redazione di un testo sulle chiesine storiche del paesello e poi mi dice: “Ho seguito su Facebook la tua presentazione del libro su Vasco Rossi a Civita Castellana. Complimenti. Ti

Tutte le vite di Gatto Panceri. Dall’esclusione a Sanremo “perché grasso” al nuovo album, la sua “autobiografia” e la sua nuova casa editrice.

gatto-panceri

Intervista a Gatto Panceri che parte dalla denuncia della assurda esclusione da Sanremo2018, non per motivi musicali, per poi parlare dei suoi nuovi progetti (prossimamente l’undicesimo suo album un libro diversamente autobiografico, e una nuova attività imprenditoriale) tutto sempre con l’entusiasmo e la gioia di un uomo da Centuplo. 1) Gatto, finalmente una notizia buona. Non sarò costretto a vedere Sanremo l’anno prossimo, perchè tu non ci sei? Hai ragione ridiamoci su Giorgio. Per lo scandalo che ho vissuto, per

“Fatti carico della paternità che non è tua” dice (mi dice) Papa Francesco

sacra-famiglia

Nella sua omelia di oggi ho sentito come se Papa Francesco mi stesse parlando e chissà che davvero non lo stesse facendo. Papa Francesco, spiegando la figura silenziosa di Giuseppe, ha così detto, come ricostruisce il Sir, l’Agenzia di Stampa Religiosa: San Giuseppe sa “come camminare nel buio”, “come si ascolta la voce di Dio”, “come si va avanti in silenzio”. Lo ha assicurato il Papa, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta, esortando a prendere esempio dal padre terreno

Il nostro spettacolo è il nostro regalo a Gesù

recita-di-natale

Ogni anno presso la scuola Suor Celestina Donati – Oasi Calasanziane in Roma si svolge anche lo spettacolo di Natale dei bambini. Grazie al fatto che ho una famiglia numerosa, sono felicemente “ripetente” di questo evento e lo dico sul serio perché ogni volta lo spettacolo è sempre bellissimo, coinvolgente e a tratti, oserei dire, professionale. Il lavoro delle singole maestre di ogni classe, coadiuvate dalla maestra di musica Anastasia, ottiene sempre ottimi risultati con tutti i bambini, sia i

Anche Napoli ha il suo Cupolone

incoronata-busto-marmoreo-dettaglio

Per lavoro mi sono trovato ancora una volta nella bellissima Napoli ma soprattutto nella zona di Capodimonte. Subito il mio sguardo è stato attratto da un enorme Cupolone, simile al più famoso di San Pietro, e mi è venuto il torcicollo nel seguire la Basilica mentre salivo la strada verso la Pontificia Facoltà Teologica Dell’Italia Meridionale. Vi sto parlando della Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio che ti accoglie all’ingresso con un busto marmoreo raffigurante la Madonna con Il Bambino perchè,

Se andassimo al lavoro con la stessa gioia con la quale i bambini vanno a scuola…

by chopra center

Spesso mi capita di accompagnare mio figlio Paolo a scuola, in prima elementare. Quei dodici minuti di strada li percorriamo, come anche già raccontato qui su IlCentuplo.it, giocando, cantando o ripassando, casualmente, quello che ha imparato. Arriviamo davanti alla scuola, saliamo le scale che portano all’atrio, salutiamo tutti e da tutti siamo riconosciuti e salutati e poi il bidello (o la bidella) si avvicinano alla porta a vetri, la aprono, tornando indietro e alle 8.30 precisi suonano la campanella. Qui