Articoli di: novembre 2017

Svegliarsi un’ora prima per pregare non è mai una ora sprecata

man-in-prayer

Oggi, che potrebbe essere una giornata molto importante per la mia vita, mi ha svegliato il ricordo delle parole che cercò di insegnarci Padre Ferdinando di Milano: “Quando dite che avete tante cose da fare e non avete tempo per pregare, svegliatevi un’ora prima per farlo. Svegliarsi un’ora prima per pregare non è mai una ora sprecata”. A distanza di venti anni mi ritrovo qui per la prima volta, nel mio studiolo, a pregare e scrivere, un’ora prima con in

Le targhe delle auto parcheggiate ci aiutano a imparare l’alfabeto

targa-auto

Il sempre allegro e canticchiato avanti e indietro da casa a scuola con Paolo è impreziosito da particolari esercizi scolastici che svolgiamo lungo il tragitto. L’altro giorno, vedendo una saracinesca chiusa di un negozio con una grande B, davanti alla quale siamo già passati almeno cento volte, ha fermato il passo, mi ha tirato per la mano e mi ha detto: “Ecco Babbo, oggi ho imparato un’altra lettera, la B di Babbo” e vi si è messo davanti per farsi fotografare.

I tre concetti spirituali che mi porto a casa dal concerto di Vasco Rossi a Modena Park

foto-di-daniela-morri

Quando Vasco, circa a metà concerto, ha cantato “I Soliti” guardando la telecamera e tenendoci alle spalle, come fosse non solo uno di noi, ma addirittura in mezzo a noi, ho trattenuto il fiato e ho davvero pensato che il mondo potesse finire in quel momento. “Noi siamo quelli delle illusioni, delle grandi passioni”. Io sono uno così, uno da grandi passioni. “Abbiamo frequentato delle pericolose abitudini, e siamo vivi quasi per miracolo, grazie agli interruttori”. Sì, quante volte nella

Can you feel my heartbeat… Nick Cave & The Bad Seeds a Roma

nick-cave-the-bad-seeds-201036077-300x300

Nick Cave è un pezzo importante della mia formazione. Sono un amante della musica sin da tenerissima età, una passione che mi ha trasmesso mia madre. Quando ero piccolo, ricordo che spesso mi parlava dei cantanti che a lei piacevano da ragazza, e mi citava Bob Dylan, i Beatles, Franco Battiato… Poteva essere il 1990 o giù di lì. Comprammo una radio col mangianastri, e con essa una serie di cassette vergini. Mia madre aveva l’abitudine di registrare dalla radio

L’invisibile presenza dei volontari Amical

amical

Il 30 settembre scorso si è svolta la terza edizione della Festa della Solidarietà organizzata dall’Amical presso la Scuola Oasi Celestina Donati di Roma. Il Padre Eterno ha voluto partecipare alla giornata dando il suo contributo fondamentale ovvero garantendo, per tutto il pomeriggio fino a sera inoltrata, il bel tempo in modo da permettere lo svolgimento gioioso e completo di tutte le numerose attività previste: dal torneo di calcio, al pattinaggio, al ballo, ai giochi, alle animazioni di numerosi artisti