Articoli di: maggio 2016

Film “La mafia uccide solo d’estate” di Pif. Riconoscere la bellezza!

locandina

“La vedete quella ragazza? Si chiama Flora, e per me è la ragazza più bella del mondo. Io sono innamorato di lei da quando eravamo bambini, cioè da circa vent’anni“. Sono la parole di un giovane innamorato, di un giovanotto introverso ed impacciato, che non ha mai avuto l’occasione di dichiarare il suo sentimento a Flora, perché “siamo a Palermo“. Qui “la mafia ha da sempre influenzato la vita di tutti, ed in particolar modo la mia“. A parlare è

I finalisti ai Giochi Nazionali della Chimica, nel tempo libero, giocano a scacchi

20160520_182240

In attesa dei risultati e della emozionante celebrazione di nomina dei vincitori, i 100 giovanissimi finalisti ai Giochi Nazionali della Chimica, ingannano il tempo, e la tensione, sfidandosi a scacchi. Pensavo di trovarli accovacciati intorno a un tablet invece no, quel gruppo di ragazzi a capo chino stava seguendo, attentamente, due suoi coetanei sfidarsi nella ennesima partita a scacchi. Che bella questa gioventù di cui pochi parlano: tutto l’anno studiano a scuola, cercano di perfezionarsi e migliorarsi in Chimica per

Seguitemi, vi porto a visitare il Parco Natura Viva di Bussolengo

image

Essere rappresentante di classe all’ultimo anno di asilo di mia figlia porta dei privilegi (oltre che degli impegni..), tra cui scegliere la destinazione della gita che, quest’anno, è caduta sul Parco Natura Viva di Bussolengo (VR). Chiunque vive, come me, nel ridente nord est ed ha almeno un figlio lo conosce e ci è stato o ha intenzione di andarci. Il parco merita. È molto ben curato, gli animali appaiono a loro agio ed è ben servito da bar, aree

La Prima Comunione vista dalla panca

DSC_5463

Abbiamo accompagnato il nostro primo figlio in Chiesa per la Prima Comunione. Con lui ci siamo preparati durante l’anno soprattutto intensificando le preghiere, e il sentimento d’attesa, nell’ultima settimana. Poi è arrivato il giorno segnata sul calendario che è stato preceduto dal giungere in Roma di tanti amici e parenti, a cominciare da nonna Alba che quest’anno compirà 90 anni. Piano piano la casa si è riempita di affetti e, nonostante un imprevisto acquazzone sulla Capitale, ci siamo recati tutti

Ho ballato al funerale di Mamma Irene di Nomadelfia

mamma irene

Ho avuto l’onore non solo di conoscere mamma Irene ma di essere da lei sgridato, meglio, fortemente, amorevolmente e duramente rimproverato. I primi pensieri che mi sono venuti in mente quando gli amici di Nomadelfia mi hanno comunicato che mamma Irene era morta sono stati questi due: il primo quando Irene ci salutava col suo sorriso, con la sua voce bassa e dava a mia moglie Sara un sacchetto con dei vestiti per i nostri figli; il secondo pensiero invece era

Chi è la mamma di vocazione?

mamma-irene-don-zeno-169362.660x368

Nel 1970 durante un discorso alle “mamme di vocazione”, S. E. Mons. Pietro  Palazzini, segretario della Congregazione del Clero cosi parlava: “La vostra vocazione ha un carisma singolare, perché è un duplice carisma, che è sembrato di  per sé inconciliabile nella storia della santità cristiana; voi assommate insieme il carisma della verginità e il carisma della maternità, che si è realizzato prodigiosamente nella sua realtà fisica semplicemente nella Vergine Santissima. Ma la carità della Chiesa opera anche dei miracoli e

Film “L’ora di Religione” di Marco Bellocchio. L’eternità è un investimento sicuro?

Ora_di_religione_-_locandina

“L’eternità è un investimento sicuro? L’eternità è l’assicurazione sulla vita?“. Sono queste le domande centrali (o i postulati sicuri, dipende dai personaggi che le proferiscono) e pressanti che ruotano attorno a questa pellicola di Marco Bellocchio, uscita nelle sale nel 2002. Il regista di Bobbio decide di addentrarsi nel misterioso mondo della fede religiosa, attraverso una storia alquanto surreale e bizzarra: Ernesto Picciafuoco (interpretato da Sergio Castellitto) è un affermato pittore e illustratore di favole per bambini, cresciuto in una

Napoleone: “Il giorno più bello della mia vita? La Prima Comunione”

napoleone

In queste giornate di Prima Comunione, così ben raccontate da Francesca ma vissute anche personalmente, un mio carissimo amico, Marco, mi segnala questo racconto: “Quante belle cose ricordo di quel periodo e oggi, primo settembre, mi è venuto in mente che una volta, prima di assegnarci il tema “Il giorno più bello della mia vita”, la maestra ci parlò del grande Napoleone Bonaparte. Ci raccontò che, quando era in esilio sull’isola di Sant’Elena, egli aveva riscoperto la fede e passava

La Prima Comunione

alba-montagne-rosa

Come ogni domenica accompagno mia figlia all’appuntamento settimanale che la vede impegnata all’apprendimento della dottrina in vista della prima comunione. Sebbene non sia una buona cristiana, molti direbbero, non ho la presunzione di privare mia figlia di un’esperienza cristiana se è lei a chiederlo e soprattutto se la sua richiesta è giustificata dallo spirito di condivisione piuttosto che il mero ricevimento di regali che ne consegue. Questa domenica abbiamo avuto modo di capirne, partecipando alla messa e alle comunioni, il

« Articoli precedenti Articoli successivi »